L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church
Forum RP de l'Eglise Aristotelicienne du jeu en ligne RR
Forum RP for the Aristotelic Church of the RK online game
 
Lien fonctionnel : Le DogmeLien fonctionnel : Le Droit CanonLien fonctionnel : Le Réseau
Lien fonctionnel : Le ParcheminLien fonctionnel : Les Registres
 FAQFAQ   RechercherRechercher   Liste des MembresListe des Membres   Groupes d'utilisateursGroupes d'utilisateurs   S'enregistrerS'enregistrer 
 ProfilProfil   Se connecter pour vérifier ses messages privésSe connecter pour vérifier ses messages privés   ConnexionConnexion 

[Ap 55] Scioglimento matrimoniale Leobrando - Lolinda
Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Suivante
 
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Provincia Ecclesiae Italicarum Gentium -> Tribunale Archiepiscopale dell'Arcidiocesi di Pisa
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant  
Auteur Message
samuele
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 07 Oct 2012
Messages: 3366
Localisation: Pavia - Ducato di Milano

MessagePosté le: Sam Mai 20, 2017 12:14 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Il Cardinale Inquisitore Italico, fece il suo ingresso in aula e prese la parola per delle comunicazioni.

"Avviso tutti che è in atto l'avvicendamento dell'Arcivescovo di Pisa e quindi Presidente di questa Corte, che verrà designato nel giro di una settimana.
L'udienza viene quindi sospesa temporaneamente in attesa del nuovo Arcivescovo/Presidente.
Devo comunque avvisare e ammonire tutti, avendo esaminato gli atti processuali, che questo è un processo per scioglimento matrimoniale.
Gli eventi a tal fine rilevanti sono:

Citation:

1) L’adulterio commesso da uno dei due coniugi; il consorte in difetto può incorrere nel divieto di risposarsi.
2) L’abbandono del domicilio coniugale da parte di uno dei due coniugi per un tempo superiore a 3 mesi. Il coniuge riconosciuto colpevole di negligenza coniugale è passabile dell’impossibilità di risposarsi.
3) La scomparsa di uno dei due coniugi per un tempo superiore a 3 mesi.
4) - La sparizione di sentimenti d’amore tra i due coniugi.

Dovete quindi attenervi a una di queste quattro motivazioni, e ovviamente i testi occorrono solo per dimostrare i primi due punti.
Ogni altra controversia, tipo figli legittimi o non, va risolta in altra sede, come non è pertinente a questo tribunale una lunga testimonianza su irrilevanti mancanze dei due coniugi, irrilevanti ai fini di queste quattro ipotesi.
E' ovvio che una lunga serie di intemperanze da parte di uno dei due puo' portare alla quarta ipotesi, ossia alla scomparsa dei sentimenti di amore ma per questo basta la semplice dichiarazione non occorre che si portino prove a sostegno, l'amore puo' finire anche improvvisamente e senza motivo...
i testi quindi se non hanno da dire nulla su un eventuale adulterio o sull'abbandono del tetto coniugale è inutile che continuino a chiedere la parola.
Da parte loro gli sposi devono decidere quali fra questi quattro motivi è quello che li riguarda e portare avanti questa tesi.
Nessun'altra intemperanza sarà tollerata.
Approfittate della pausa per chiarirvi le idee e riflettere su quanto vi ho esposto.
La seduta è sospesa fino alla nomina del nuovo Arcivescovo di Pisa.
Le parti saranno avvisate circa il nuovo termine di comparizione."

_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé MSN Messenger
shalama



Inscrit le: 29 Juil 2014
Messages: 776

MessagePosté le: Lun Juin 05, 2017 12:14 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Il nuovo presidente di presentò in aula con il suo fascicolo pieno di tutte le dichiarazioni.

Buongiorno.
A seguito dell'avvenuta elezione, e del ripristino della Corte, il processo viene ripreso dal punto in cui era stato fermato.


Si assicurò quindi che in aula fossero presenti procuratore e gli sposi e a questi ultimi si rivolse

Bene, vorrei che mi rispondeste uno per volta a queste due domande molto semplici.Vi ricordo che siete sotto giuramento e che qualsiasi cosa voi diciate deve rispondere a verità se non volete incappare in un'accusa per falsa testimonianza.

A seguito dell'intervento del cardinale, vorrei sapere innanzitutto a quale delle motivazioni citate dal cardinale, fate riferimento nella richiesta di separazione.
In secondo luogo vorrei sapere precisamente e chiaramante Chi accusate di Incesto e perchè.
Vi ricordo che quest'ultima accusa, qualora ce ne siano i presupposti, verrà processata al di fuori di questo contesto in altra sede.


Li guardò dritti negli occhi per assicurarsi che avessero ben capito tutto ed infine precisò

Prego tutti, infine, di rispettare le norme piu normali dell'educazione e di prender parola solo nel momento in cui gli sarà data e rispondendo precisamente alla domanda che gli è posta, in modo da permettere a questa corte di avere le idee piu chiare della vicenda.Grazie
_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Carmela.Al.Capone



Inscrit le: 02 Mai 2017
Messages: 11

MessagePosté le: Lun Juin 05, 2017 2:08 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Carmela ascoltò le domande rivoltele, ma attese che rispondesse prima Leonardo considerato che aveva chiesto lui la separazione.
Si voltò a guardarlo. Era quasi il suo ex marito, ma quei minuti passati in silenzio le avevano permesso di riflettere. Avrebbe voluto che finisse tutto con una stretta di mano, senza rancori, per salvare almeno una minima parte del bene che avevano provato l'uno per l'altra.
Abbassò nuovamente lo sguardo e attese.
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
leonardo.brando.centurion



Inscrit le: 21 Avr 2016
Messages: 14

MessagePosté le: Lun Juin 05, 2017 11:13 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Leonardo fece un cenno col capo al nuovo presidente e rispose serenamente.

Vostro Onore, la motivazione è la scomparsa del sentimento che mi lega alla mia tutt'ora moglie.

Quando ho visto il suo progressivo allontanarsi da me e il repentino ritorno alla vita pubblica non appena abbia depositato richiesta di scioglimento ho capito che forse era scomparso prima in lei.

Sull'accusa di incesto... non vorrei fossero state fraintese le mie parole. Il discorso è molto semplice, il matrimonio è avvenuto il 13 Dicembre del 1464, e i nostri tre gemelli sono a casa affidati alle cure delle balie essendo poco piu' che degli infanti.

Per quanto riguarda i due giovani che hanno testimoniato sono adulti e quello con cui ha questo rapporto stretto lo fece venire da genova mesi addietro, e se volete le prove posso presentarle.

Di certo posso assicurarvi che passava più tempo con lui che con me.

E credo che un matrimonio si basi principalmente nel rapporto stretto tra i coniugi, e poi in quello tra la coppia ed i figli, naturali o adottati.

Un rapporto così esclusivo lede l'armonia della coppia, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

La qui presente ha fatto la sua scelta, e le motivazioni non mi interessano, resta il fatto che sentirmi di troppo in loro presenza non abbia fatto altro che rendere definitiva la mia decisione.

Ho sacrificato per lei e quelli che in quest'aula mi hanno accusato carriera politica e non solo, e mi fa specie vederli adottare questo comportamento quando erano i primi a stigmatizzarlo fino a poco tempo prima.

E se posso far notare una cosa dalle varie deposizioni...in tutte mi accusano di voler passare del tempo con mia moglie, e già è strano che un marito debba chiedere questo ma sorvolo, ma nessuno puo' accusarmi di aver mancato dei sentimenti di rispetto, amore e presenza che sono la base della coppia. Se un marito deve rincorrere la moglie allora c'è qualcosa che non va...e non è di certo in lui.

In questi mesi ho portato lei ovunque sia stato, incoronazioni di principi, dogi ed imperatori.Le ho regalato un parterre de roi al matrimonio, festeggiata dalle piu' grandi personalità dell'Impero e non solo, e l'ho fatto per lei, che era sola e con un passato che non voglio rivangare, avendolo accettato, ma che ho voluto coprire donandole una nuova dignità come persona.

Ho fallito, forse, ma ogni mio passo da un anno a questa parte è stato sempre in funzione di lei e del suo bene. Forse ho fatto troppo...ma lo rifarei di nuovo, che il cielo mi fulmini se le mie parole non corrispondono a verità.


Si sedette in attesa.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Mizar_Louis



Inscrit le: 02 Mai 2017
Messages: 7

MessagePosté le: Mar Juin 06, 2017 11:47 am    Sujet du message: Répondre en citant

Mizar aveva udito le parole del padre

si domandava....massimo suo fratello gemello era infante e giudica? come era possibile?

alzo la mano sperando che gli desserò ancora la parola
_________________
«Le plus beau cadeau que mes parents était mon frère>>
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
shalama



Inscrit le: 29 Juil 2014
Messages: 776

MessagePosté le: Mar Juin 06, 2017 4:43 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Ascoltò con attenzione lo sposo per poi notare la mano del testimone.
No messer Mizar, non è affatto il momento per replicare e controbattere alle affermazioni di vostro padre.
Qui si parla di sentimenti spariti e l'unica argomentazione che voglio ascoltare ora è quella di coloro che dovrebbero avere questo sentimento!


Si volse quindi alla sposa

E voi madama ? voglio sentire anche i vostri perchè.
_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Carmela.Al.Capone



Inscrit le: 02 Mai 2017
Messages: 11

MessagePosté le: Mer Juin 07, 2017 4:44 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Si alzò in piedi e prese la parola.

Vostro Onore, ricordo benissimo il giorno in cui arrivammo all'Abbazia di Fornovo con Leonardo per il corso prematrimoniale. Ero davvero euforica e felice di intraprendere questo percorso con l'unico uomo che davvero ha avuto un senso nella mia vita.
Ricordo che ci fecero una domanda ben precisa. Come ci saremmo comportati in caso di problemi di coppia. Ebbene, entrambi con occhi pieni di orgoglio, rispondemmo che l'avremmo superato con determinazione, con l'amore che sapevamo di darci e con la voglia di vincere sempre.
Io ho sempre creduto a quelle parole, come ho sempre creduto alle promesse fatte al mio sposo dinnanzi ad Aristotele il 13 dicembre.

Purtroppo, però, in una coppia l'amore non è tutto. Serve rispetto, fiducia, comprensione, dialogo e amor proprio. Non voglio accusare mio marito di nulla, quello che è stato è stato e non rinnego nulla, ma non si può tornare indietro.
Il troppo amore ci ha fatto del male lanciandoci in uno stato si malessere, e vivere era diventata una pena.

Ad oggi il profondo amore che provavo per Leonardo si è mutato in un altro sentimento. Gli vorrò bene per sempre; dall'altra parte ho l'uomo che mi ha cambiato la vita e non potrei non provare affetto per lui.
Bisogna avere il coraggio di ammettere di aver perso. Io probabilmente ho perso con lui, non sono riuscita a dargli, nonostante lo amassi tanto e rispettassi, tutto quelle di cui aveva bisogno ed è giusto, se ad oggi è arrivato a pronunciare quelle parole, che ritorni ad essere felice e per farlo devo stargli lontana.
Bisogna avere il coraggio di scrivere la parola fine e la maturità nel farlo senza dover far cadere nell'oblìo l'altro.
Non credo serva a qualcosa lanciarci del veleno addosso quando entrambi abbiamo lottato per far si che il matrimonio continuasse. La lista degli errori è sempre da dividere in due.

Per quanto riguarda i nostri figli non ho intenzione di dire altro perché non è il luogo ed il momento adatto, ne abbiamo già parlato , se non... -
parlò guardando il marito -..di trattare loro come tratta Massimo. Mizar, Ezequiel e Massimo sono sangue del nostro sangue. Sono ormai cresciuti e non degli infanti. Massimo ha il suo lavoro, ha la sua vita e la svolge al meglio e sono orgogliosa di lui, proprio come chi ora siede accanto a me.
Chiedo solo di non bruciare l'unica cosa che di bella ci è rimasta della nostra storia.

Ho concluso.


Chinò il capo in segno di rispetto e si sedette nuovamente.
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
leonardo.brando.centurion



Inscrit le: 21 Avr 2016
Messages: 14

MessagePosté le: Jeu Juin 08, 2017 12:28 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Leonardo alzò la mano per voler aggiungere qualcosa chiedendo il permesso.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
shalama



Inscrit le: 29 Juil 2014
Messages: 776

MessagePosté le: Mar Juin 13, 2017 11:53 am    Sujet du message: Répondre en citant

Si volse allo sposo che vedeva chieder la parola
Messere qui siamo in un aula di tribunale ecclesiastico, nulla non non riguardi i vostri sentimenti e il vostro matrimonio è rilevante in questa storia e non accetterò altre testimonianze che non riguardino lo stretto rapporto coniugale con vostra moglie.

Mi pare chiaro che i sentimenti sino spariti, ma qui il dibattito serve a capire in che misura il rapporto si sia rotto, e se si possa mai ricostruire.

Se non riguarda ciò il vostro intervento ma è solo un modo per controbbattere alle accuse per meri motivi di reputazione, vi consiglio di tacere.Dio guarda il vostro cuore e l'amore che avete dato alla vostra famiglia, non il curriculum o la bella figura che potreste fare agli occhi umani.

Siete sicuro di ciò che volete dire??

_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Carmela.Al.Capone



Inscrit le: 02 Mai 2017
Messages: 11

MessagePosté le: Sam Juin 17, 2017 12:28 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Si guardava intorno e non capiva cosa stesse accadendo.

"Perché stanno impiegando così tanto tempo?" Si chiese tra se e se. Restò seduta e attese ancora.
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
shalama



Inscrit le: 29 Juil 2014
Messages: 776

MessagePosté le: Lun Juin 19, 2017 7:58 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Bene, visto che non sento risposta dallo sposo, deduco che ci ha ripensato.
Procuratore per favore passiamo alla requisitoria

_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
leonardo.brando.centurion



Inscrit le: 21 Avr 2016
Messages: 14

MessagePosté le: Mer Juin 21, 2017 10:55 am    Sujet du message: Répondre en citant

Vi chiedo perdono vostro onore...

Ero perso nei pensieri.

Comunque sì, non ho più voglia di aggiugere nulla.

_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
almalibre



Inscrit le: 06 Mar 2015
Messages: 348

MessagePosté le: Dim Juin 25, 2017 1:31 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Il Procuratore, invitata dall'Illustrissimo Signor Presidente della Corte a presentare la Requisitoria finale, si accinge a parlare.

Illustrissimo Signor Presidente, Signori della Giuria, lette attentamente tutte le carte, ascoltate le deposizioni di entrambi i coniugi Leobrando e Lolinda e quelle dei 5 testimoni presentati, che a nulla sono valse se non a chiedere il riconoscimento di paternità di Mizar_Louis e Tristano. da parte del ricorrente Messer Leobrando, alla luce del diniego da parte di entrambi i coniugi a tentare una riconciliazione, questo Procuratore ritiene il processo fuori dalle normali righe, però lo stesso ha evidenziato fatti inoppugnabili, ammessi da entrambi i coniugi.
La sposa si è allontanata pian piano dallo stare accanto al marito avvicinandosi di contro all'amore dei propri figli, preferendoli a lui; lo sposo ha tentato più e più volte un riavvicinamento fallito ad ogni tentativo, fino a quando non ha deciso di ricorrere a questa Corte.
Su questo specifico punto non attribuirei colpe a nessuno dei due, altrimenti dovrei attribuirle in egual misura ad entrambi.
Evidentemente questi loro atteggiamenti erano motivati dalla sparizione dell'amore coniugale già da allora, amore e rispetto indispensabili per tenere vivo un rapporto di coppia.


A questo punto il Procuratore inspirando profondamente, e controllando nuovamente le deposizioni dei coniugi, espone le proprie conclusioni:

alla luce delle evidenze emerse nel dibattimento, chiedo:

- di accogliere la richiesta e sciogliere il matrimonio in virtù dell'art. 6.1 del Diritto Canonico: La sparizione dei sentimenti d’amore tra i due coniugi.

- di disporre per entrambi i coniugi una penitenza e una congrua interdizione a una successiva unione, tenendo conto che:

* lo sposo è al suo terzo matrimonio, di contro la sposa è al suo primo matrimonio;
* che il matrimonio stesso è durato circa 4 mesi e 17 giorni.

Di conseguenza, si consiglia a questa Eccellentissima Corte, di:

a) interdire a nuove nozze entrambi i coniugi, nello specifico:

* Per lo sposo:
interdizione ad un nuovo matrimonio per la durata di 24 mesi, considerato che si trova al 3° matrimonio nel termine di poco meno di 2 anni, a far tempo dalla data di approvazione da parte del Concistoro Cardinalizio.
Interdizione inflitta in base a quanto dettato dalla nuova versione del Diritto Canonico - Scioglimento matrimoniale che cita testualmente:
Nei casi previsti negli art. 6.1, 6.2 e 6.3, e cioè:
La sparizione di sentimenti d’amore tra i due coniugi.
L’adulterio commesso da uno dei due coniugi;
L’abbandono del domicilio coniugale da parte di uno dei due coniugi per un tempo superiore a 3 mesi.
stabiliamo che:
* Dopo il secondo scioglimento,
vi sarà divieto di risposarsi per almeno 12 mesi
(a partire da quando è stata presentata la domanda presso il tribunale competente)

* Dopo il terzo scioglimento,
vi sarà divieto di risposarsi per almeno 24 mesi
(a partire da quando è stata presentata la domanda presso il tribunale competente)

* Dopo il quarto scioglimento,
vi sarà divieto di risposarsi per almeno 36 mesi
(a partire da quando è stata presentata la domanda presso il tribunale competente)
E così via, aggiungendo 12 mesi per ogni ulteriore scioglimento.

Questi mesi dovranno servire al fedele per riflettere bene sul sacramento del matrimonio, poichè, se per ben due volte egli, o ella, ha fatto scelte che si sono rivelate affrettate, poichè non coronate da successo, seppure non per sua colpa, sarà comunque necessario che faccia proprie
le parole di Christos:

"scegli con giudizio"

Dunque i mesi obbligati di interdizione dal sacramento sono finalizzati proprio ad aiutare il fedele a scegliere con giudizio il successivo compagno o compagna ed a riflettere sull'importanza e sulle implicazioni
del sacramento del matrimonio.
Ovviamente ogni successivo eventuale errore
dimostra una accentuata difficoltà a fare le giuste scelte
e quindi la necessità di maggior tempo di riflessione
sul valore del sacramento e di valutazione sul futuro coniuge.


* Per la sposa:
interdizione ad un nuovo matrimonio di mesi 3, tenuto conto che si trova alla 1^ unione matrimoniale più ulteriori 3 mesi per il comportamento tenuto in Aula, a far tempo dalla data di approvazione da parte del Concistoro Cardinalizio.

b) chiedo, inoltre:

- di disporre come condizione necessaria per contrarre un nuovo matrimonio, che essi seguano un corso sul matrimonio ottenendo attestato di partecipazione, oppure compiano un cammino di preparazione con il proprio Vescovo
- di stabilire, per entrambi i coniugi, che rendano confessione ad un prelato presso il Monastero in cui seguiranno il corso di preparazione al matrimonio o ad uno appartenente alla propria diocesi.
Questo è tutto.


Si siede quindi in attesa che il Giudice sospenda l'udienza per ritirarsi in Camera di Consiglio.
_________________


Dernière édition par almalibre le Dim Juin 25, 2017 5:59 pm; édité 2 fois
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé Visiter le site web de l'utilisateur
shalama



Inscrit le: 29 Juil 2014
Messages: 776

MessagePosté le: Dim Juin 25, 2017 4:31 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Benissimo, direi che per il momento possiamo fermarci e andare in camera di consiglio per decidere e preparare la sentenza

Fece un cenno di saluto ai presenti e si recò, col fascicolo, in camera di consiglio
_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
shalama



Inscrit le: 29 Juil 2014
Messages: 776

MessagePosté le: Lun Juin 26, 2017 4:45 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:


              Tribunale Archiepiscopale di Pisa




      Richiesta di valutazione per i Cardinali del Concistorio Romano



Il Tribunale Archiepiscopale di Pisa
Presieduto da Mons. Corinne Shalama De Rossi Del Drago
ha pronunciato la seguente

SENTENZA ARCHIEPISCOPALE SUL CAMBIO DI STATUS MATRIMONIALE

Nel ricorso presentato da:
•Nome IG: Leobrando
•Diocesi/Parrocchia di appartenenza: Livorno
•Status Giudiziario del richiedente(laico, ordinato, eterodosso, scomunicato, etc): laico

RICORRENTI:
•Nome IG Sposo: Leobrando
•Nome IG Sposa: Lolinda
Rappresentati e difesi: in proprio
Con l’intervento ex lege del Procuratore Ecclesiastico per l'Arcidiocesi di Pisa, S.E. Sorella Almalibre

CONCLUSIONI DELLA RICORRENTE:
Dichiararsi l'annullamento del matrimonio celebrato il 13 dicembre 1464 da Aster_x


SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
L'istante Leobrando chiedeva al Tribunale Archiepiscopale di Pisa, di dichiarare lo scioglimento del matrimonio a seguito della scomparsa sentimento verso la coniuge Lolinda.
All'apertura del dibattimento, comparivano davanti a questa corte entrambi gli sposi , e a seguito di un acceso dibattito si è giunti alla conclusione che sebbene ci fosse stato un grande amore, purtroppo esso non è più presente fra i coniugi allo stato attuale e non è piu recuperabile tale sentimento. Con lo scioglimento del matrimonio non si scioglie la genitorialità della prole.

MOTIVI DELLA DECISIONE
La domanda è fondata e va, pertanto, accolta.
Sussistono, infatti, i presupposti di applicazione dell’art.6.1 del diritto canonico in materia di scioglimento del matrimonio.
Dal dibattimento è emersa la volontà di pervenire allo scioglimento definitivo del vincolo coniugale.
Essendo inoltre, lo sposo, al terzo scioglimento, si è deciso di seguire la disposizione concistoriale in base alla quale
Citation:
Dopo il secondo annullamento, divieto di sposarsi per almeno 12 mesi

Dopo il terzo annullamento, divieto di sposarsi per almeno 24 mesi

Dopo il quarto annullamento, divieto di sposarsi per almeno 36 mesi.

E così via, aggiungendo 12 mesi per ogni ulteriore annullamento.

Si spera che un tempo cosi lungo di interdizione possa portare lo sposo ad una maggiore consapevolezza del significato di matrimonio
Per la sposa invece oltre all'interdizione prevista per l'articolo 6.1 del diritto canonico, è stata aggiunta una penale di ulteriori 3 mesi per il comportamento tenuto in aula.
Il matrimonio e l'amore sono due pilastri importanti per la Chiesa e il divorzio è un passo gravoso che va ben ponderato, è necessario quindi avere un comportamento che rifletta il rispetto dovuto.

P.Q.M.

Il Tribunale Archiepiscopale di Pisa, definitivamente pronunciando sul ricorso presentato da Leobrando, con l’intervento in causa del Procuratore Ecclesiastico, così decide:
1) dichiara l'annullamento semplice del matrimonio.
2) decide di interdire al matrimonio La sposa Lolinda per 6 mesi e lo Sposo Leobrando per 24 mesi dalla data di pubblicazione della sentenza concistoriale
3))stabilisce che per entrambi gli sposi sarà condizione necessaria per un nuovo matrimonio seguire un corso sul matrimonio ed ottenere attestato di partecipazione presso l' Abbazia di Fornovo o presso il Monastero di San Domenico, e rendere confessione ad un prelato presso il Monastero in cui seguirà il corso di preparazione al matrimonio o ad un altro della propria Diocesi.
4) manda all'Ufficiale giudiziario di trasmettere copia autentica della presente sentenza al Concistoro Cardinalizio per la valutazione.


Così deciso in camera di consiglio il giorno 25 del mese di Giugno dell'anno 1465.





Arcivescovo Metropolitano di Pisa,
Missus Inquisizionis,
Nunzia Apostolica della Santa Sede presso Firenze,
Guardia Episcopale,
Segretaria del Concistoro Pontificio Italofono,
Presidente del Tribunale Nazionale Italofono,
Teologa,
Professoressa presso Fornovo
Monaca capitolare Cirtercense



Deposito atti processuali:
[url=http://rome.lesroyaumes.com/viewtopic.php?t=51290]
[Ap 55] Scioglimento matrimoniale Leobrando - Lolinda[/url]

_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Montrer les messages depuis:   
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Provincia Ecclesiae Italicarum Gentium -> Tribunale Archiepiscopale dell'Arcidiocesi di Pisa Toutes les heures sont au format GMT + 2 Heures
Aller à la page Précédente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Suivante
Page 5 sur 6

 
Sauter vers:  
Vous ne pouvez pas poster de nouveaux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas éditer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas supprimer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas voter dans les sondages de ce forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduction par : phpBB-fr.com