L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church
Forum RP de l'Eglise Aristotelicienne du jeu en ligne RR
Forum RP for the Aristotelic Church of the RK online game
 
Lien fonctionnel : Le DogmeLien fonctionnel : Le Droit Canon
 FAQFAQ   RechercherRechercher   Liste des MembresListe des Membres   Groupes d'utilisateursGroupes d'utilisateurs   S'enregistrerS'enregistrer 
 ProfilProfil   Se connecter pour vérifier ses messages privésSe connecter pour vérifier ses messages privés   ConnexionConnexion 

[RP][confini Stati Pontifici/R2S] Trattato di Ischia

 
Poster un nouveau sujet   Répondre au sujet    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> La Congrégation des Affaires du Siècle - External Affairs
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant  
Auteur Message
Gropius
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 12 Nov 2015
Messages: 3094
Localisation: Roma, Palazzo Della Scala-Corsini alla Lungara

MessagePosté le: Lun Mai 27, 2019 11:16 am    Sujet du message: [RP][confini Stati Pontifici/R2S] Trattato di Ischia Répondre en citant

Citation:


    Trattato di Ischia
    Per la ridefinizione dei confini comuni agli Stati Pontifici e al Regno delle Due Sicilie



    In nome dell'Altissimo Onnipotente e dei Suoi Santi Profeti Aristotele e Christos: sia noto a tutti quanti vi abbiano interesse o siano coinvolti che nei mesi passati la concordia e il rispetto tra il Trono di Titus e la Corona delle Due Sicilie sono stati incrinati da ingiusti rancori sorti a causa dell'incertezza nella definizione dei rispettivi possedimenti e dalla conseguente sovrapposizione dei territori sui quali si estende la sovranità del Santissimo Padre, il Sommo Pontefice, e di Sua Maestà, il Re delle Due Sicilie; in ragione di ciò

    Sua Santità Sisto IV, Vescovo di Roma, Vicario di Dio in terra, Successore del Secondo Profeta e di San Titus Principe degli Apostoli, Sommo Pontefice e Papa della Chiesa Universale, Metropolita della Provincia di Roma, Servo dei servi di Dio, Sovrano degli Stati Pontifici,

    &

    Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, Protettore di Napoli, Duca di Calabria e delle Puglie, Conte di Giugliano, Barone d’Ischia,


    nel comune spirito dell'Amicizia Aristotelica, spinti dal desiderio di riparare alle discordie passate e nell'intento di rifondare le basi del mutuo rispetto e della profonda amicizia che hanno sempre accomunato la Santa Sede e la Corona delle Due Sicilie, concordano, stabiliscono, annunciano e mettono per iscritto quanto segue:


    I. Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, riconosce la sovranità piena e completa di Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, sulle terre di Castro dei Volsci, Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano. 

    II. Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, rinuncia, in favore di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, alla sovranità sulle terre di Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo e Vallecorsa.

    III. Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, rinuncia, in favore di Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, alla sovranità sulle terre di Castro dei Volsci, Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano.

    IV. Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, riconosce la sovranità piena e completa di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, sulle terre di Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo (Amaseno) e Vallecorsa.

    V. La Santa Sede, per tramite dei Collegi Araldici Pontifici, si impegna a modificare i propri registri e mappe in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    VI. Il Regno delle Due Sicilie, nella persona di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, e per mezzo della Real Araldica Duosiciliana, visiona e riconosce come pienamente validi i registri e le mappe dei Collegi Araldici Pontifici così come modificati in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    VII. Il Regno delle Due Sicilie, nella persona di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, e per mezzo della Real Araldica Duosiciliana, si impegna a modificare i propri registri e mappe in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    VIII. La Santa Sede, per tramite dei Collegi Araldici Pontifici, visiona e riconosce come pienamente validi i registri e le mappe della Real Araldica Duosiciliana così come modificati in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    IX. Il nuovo confine tra gli Stati Pontifici e il Regno delle Due Sicilie viene posto lungo le terre di San Felice Circeo, Sabaudia, Pontinia, Priverno, Prossedi, Villa Santo Stefano, Castro dei Volsci, Pofi, Ripi, Boville Ernica, Monte San Giovanni Campano, Veroli, Alatri, Vico nel Lazio, Guarcino, Filettino, Vallepietra, Camerata Nuova, Cervara di Roma, Arsoli, Riofreddo, Vallinfreda, Vivaro Romano, Orvinio, Pozzaglia Sabina, Turania, Collalto Sabino, Nespolo, Marcetelli, Varco Sabino, Concerviano, Rieti, Rivodutri, Polino, Narni, Otricoli, Stroncone, Lungano in Taverna, Alviano, Arquata del Tronto, Acquasanta Terme, Ascoli Piceno, Folignano, Maltigliano, Colli del Tronto, Spinetoli, Monsamolo del Tronto, Monteprandone, San Benedetto del Tronto sul versante Pontificio e lungo le terre di Terracina, Monti Ausoni (Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo), Vallecorsa, Lenola, Pastena, Ceprano, Strangolagalli, Arce, Fontana Liri, Arpino, Castelliri, Sora, Tortoreto, Corropoli, Nereto, Torano, Val Vibrata, Civitella, Valle Castellana, Accumoli, Rocca Salli, Leonessa, Poggio Bustone, Cantalice, Micigliano, Cittaducale, Petrella Salto, Cicolano, Carsoli, Pereto, Cappadocia, Capistrello, Valle Roveto, Balsorano sul versante duosiciliano.

    X. Viene confermata la piena vigenza e validità del Trattato di Mutuo Riconoscimento Araldico fra la Santa Sede e il Regno delle Due Sicilie, firmato a Roma il 16 Ottobre MCDLXV, in ciascuna delle sue disposizioni. Nessuno potrà obiettare a quanto disposto dal presente trattato né a ciò che esso contiene; esso deve essere rispettato indistintamente da chiunque e ottiene piena e definitiva efficacia una volta ratificato. Tutto quanto venga pubblicato o deciso da chiunque, quale che sia la sua autorità, consciamente o inconsciamente, che vada in contrasto col presente trattato è dichiarato nullo e privo di qualsivoglia valore.




    Per la Santa Sede e gli Stati Pontifici


    Datum Romae, apud Sanctum Titum, sub anulo Piscatoris, die octavo mensis Maii, anno MCDLXVII, Pontificatus Nostri primo.






    Come testimone al cospetto del Santissimo Padre,


    Sua Eminenza Arnarion de Valyria-Borgia,
    Cardinale Arcicancelliere della Santa Sede




    Ratificato ad Ischia, il decimo giorno del quinto mese dell'anno di grazia MCDLXVII

    I delegati del Sommo Pontefice, abilitati alla ratifica del trattato


    Sua Eminenza Arduino della Scala
    Decano del Sacro Collegio dei Cardinali



    Sua Eminenza Fenice Maria Helena Deversi-Aslan Borgia
    Cardinale Cancelliere della Congregazione degli Affari del Secolo



    Sua Eminenza Estrella Luna de Lancaster y Valyria
    Ufficiale Araldo dei Collegi Araldici Pontifici




    Per il Regno delle Due Sicilie




    Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi
    Re delle Due Sicilie




    Sua Altezza Reale Nerissa Gregoria Zara del Drago
    Ministro degli Esteri delle Due Sicilie



    Sua Grazia Filippo del Drago
    Re d'Armi della Real Araldica Duosiciliana




Code:
[quote]
[list]
[b][size=18]Trattato di Ischia[/size]
Per la ridefinizione dei confini comuni agli Stati Pontifici e al Regno delle Due Sicilie[/b]


[size=13][b]In nome dell'Altissimo Onnipotente e dei Suoi Santi Profeti Aristotele e Christos[/b][/size]: sia noto a tutti quanti vi abbiano interesse o siano coinvolti che nei mesi passati la concordia e il rispetto tra il Trono di Titus e la Corona delle Due Sicilie sono stati incrinati da ingiusti rancori sorti a causa dell'incertezza nella definizione dei rispettivi possedimenti e dalla conseguente sovrapposizione dei territori sui quali si estende la sovranità del Santissimo Padre, il Sommo Pontefice, e di Sua Maestà, il Re delle Due Sicilie; in ragione di ciò

[size=14]Sua Santità Sisto IV, Vescovo di Roma, Vicario di Dio in terra, Successore del Secondo Profeta e di San Titus Principe degli Apostoli, Sommo Pontefice e Papa della Chiesa Universale, Metropolita della Provincia di Roma, Servo dei servi di Dio, Sovrano degli Stati Pontifici,[/size]

&

[size=14]Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, Protettore di Napoli, Duca di Calabria e delle Puglie, Conte di Giugliano, Barone d’Ischia,[/size]


nel comune spirito dell'Amicizia Aristotelica, spinti dal desiderio di riparare alle discordie passate e nell'intento di rifondare le basi del mutuo rispetto e della profonda amicizia che hanno sempre accomunato la Santa Sede e la Corona delle Due Sicilie, [b]concordano, stabiliscono, annunciano e mettono[/b] per iscritto quanto segue:


[b]I.[/b] Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, riconosce la sovranità piena e completa di Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, sulle terre di Castro dei Volsci, Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano. 

[b]II.[/b] Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, rinuncia, in favore di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, alla sovranità sulle terre di Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo e Vallecorsa.

[b]III.[/b] Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, rinuncia, in favore di Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, alla sovranità sulle terre di Castro dei Volsci, Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano.

[b]IV.[/b] Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, riconosce la sovranità piena e completa di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, sulle terre di Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo (Amaseno) e Vallecorsa.

[b]V.[/b] La Santa Sede, per tramite dei Collegi Araldici Pontifici, si impegna a modificare i propri registri e mappe in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

[b]VI.[/b] Il Regno delle Due Sicilie, nella persona di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, e per mezzo della Real Araldica Duosiciliana, visiona e riconosce come pienamente validi i registri e le mappe dei Collegi Araldici Pontifici così come modificati in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

[b]VII. [/b]Il Regno delle Due Sicilie, nella persona di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, e per mezzo della Real Araldica Duosiciliana, si impegna a modificare i propri registri e mappe in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

[b]VIII.[/b] La Santa Sede, per tramite dei Collegi Araldici Pontifici, visiona e riconosce come pienamente validi i registri e le mappe della Real Araldica Duosiciliana così come modificati in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

[b]IX.[/b] Il [url=https://i.imgur.com/MX2xonY.png]nuovo confine[/url] tra gli Stati Pontifici e il Regno delle Due Sicilie viene posto lungo le terre di San Felice Circeo, Sabaudia, Pontinia, Priverno, Prossedi, Villa Santo Stefano, Castro dei Volsci, Pofi, Ripi, Boville Ernica, Monte San Giovanni Campano, Veroli, Alatri, Vico nel Lazio, Guarcino, Filettino, Vallepietra, Camerata Nuova, Cervara di Roma, Arsoli, Riofreddo, Vallinfreda, Vivaro Romano, Orvinio, Pozzaglia Sabina, Turania, Collalto Sabino, Nespolo, Marcetelli, Varco Sabino, Concerviano, Rieti, Rivodutri, Polino, Narni, Otricoli, Stroncone, Lungano in Taverna, Alviano, Arquata del Tronto, Acquasanta Terme, Ascoli Piceno, Folignano, Maltigliano, Colli del Tronto, Spinetoli, Monsamolo del Tronto, Monteprandone, San Benedetto del Tronto sul versante Pontificio e lungo le terre di Terracina, Monti Ausoni (Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo), Vallecorsa, Lenola, Pastena, Ceprano, Strangolagalli, Arce, Fontana Liri, Arpino, Castelliri, Sora, Tortoreto, Corropoli, Nereto, Torano, Val Vibrata, Civitella, Valle Castellana, Accumoli, Rocca Salli, Leonessa, Poggio Bustone, Cantalice, Micigliano, Cittaducale, Petrella Salto, Cicolano, Carsoli, Pereto, Cappadocia, Capistrello, Valle Roveto, Balsorano sul versante duosiciliano.

[b]X.[/b] Viene confermata la piena vigenza e validità del Trattato di Mutuo Riconoscimento Araldico fra la Santa Sede e il Regno delle Due Sicilie, firmato a Roma il 16 Ottobre MCDLXV, in ciascuna delle sue disposizioni. Nessuno potrà obiettare a quanto disposto dal presente trattato né a ciò che esso contiene; esso deve essere rispettato indistintamente da chiunque e ottiene piena e definitiva efficacia una volta ratificato. Tutto quanto venga pubblicato o deciso da chiunque, quale che sia la sua autorità, consciamente o inconsciamente, che vada in contrasto col presente trattato è dichiarato nullo e privo di qualsivoglia valore.




[i][b]Per la Santa Sede e gli Stati Pontifici[/b][/i]


[i]Datum Romae, apud Sanctum Titum, sub anulo Piscatoris, die octavo mensis Maii, anno MCDLXVII, Pontificatus Nostri primo. [/i]

[img]https://i.imgur.com/eFVuB4o.png[/img]

[img]https://i.postimg.cc/P50B4jXk/726503-smallerb.png[/img]


[i]Come testimone al cospetto del Santissimo Padre,[/i]

[img]https://i.postimg.cc/76hqr9q0/ud9-Rj-Ql.png[/img]
Sua Eminenza Arnarion de Valyria-Borgia,
Cardinale Arcicancelliere della Santa Sede
[img]https://s13.postimg.cc/6vd12acev/NCaao_ZT.png[/img]
 


[b]Ratificato ad Ischia, il decimo giorno del quinto mese dell'anno di grazia MCDLXVII[/b]

[i]I delegati del Sommo Pontefice, abilitati alla ratifica del trattato[/i]

[img]https://i.postimg.cc/65ypdDzk/firma-arduino-cardinale.png[/img]
Sua Eminenza Arduino della Scala
Decano del Sacro Collegio dei Cardinali
[img]https://i.postimg.cc/xdwqzZpx/867502-Gropius-Vert.png[/img]

[img]http://i65.tinypic.com/ngt751.png[/img]
Sua Eminenza Fenice Maria Helena Deversi-Aslan Borgia
Cardinale Cancelliere della Congregazione degli Affari del Secolo
[img]http://i59.tinypic.com/2cr37kj.png[/img]

[img]https://i11.servimg.com/u/f11/17/21/94/67/estrel30.png[/img]
Sua Eminenza Estrella Luna de Lancaster y Valyria
Ufficiale Araldo dei Collegi Araldici Pontifici
[img]https://i62.servimg.com/u/f62/17/21/94/67/sceaue12.png[/img]



[i][b]Per il Regno delle Due Sicilie[/b][/i]


[img]https://i.imgur.com/loqdA5T.png[/img]

Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi
Re delle Due Sicilie

[img]http://i41.tinypic.com/5aflh2.png[/img]

[img]https://i.imgur.com/F1IWmWz.png[/img]
Sua Altezza Reale Nerissa Gregoria Zara del Drago
Ministro degli Esteri delle Due Sicilie
[img]http://i58.tinypic.com/r1lqhg.png[/img]

[img]https://i.imgur.com/tc16TrX.png[/img]
Sua Grazia Filippo del Drago
Re d'Armi della Real Araldica Duosiciliana
[img]https://s19.postimg.cc/mzcv9dv1v/gufo_verde.png[/img]

[/list][/quote]

_________________

Decano del Sacro Collegio † Cardinale-vescovo † Prelato Plenipotenziario † Protonotario Apostolico † Arcivescovo di Pisa † Governatore del Patrimonio di Tito † Marchese di Santa Marinella † Conte di Civitavecchia ♝Il cielo e la terra♗
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Montrer les messages depuis:   
Poster un nouveau sujet   Répondre au sujet    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> La Congrégation des Affaires du Siècle - External Affairs Toutes les heures sont au format GMT + 2 Heures
Page 1 sur 1

 
Sauter vers:  
Vous ne pouvez pas poster de nouveaux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas éditer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas supprimer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas voter dans les sondages de ce forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduction par : phpBB-fr.com