L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church
Forum RP de l'Eglise Aristotelicienne du jeu en ligne RR
Forum RP for the Aristotelic Church of the RK online game
 
Lien fonctionnel : Le DogmeLien fonctionnel : Le Droit Canon
 FAQFAQ   RechercherRechercher   Liste des MembresListe des Membres   Groupes d'utilisateursGroupes d'utilisateurs   S'enregistrerS'enregistrer 
 ProfilProfil   Se connecter pour vérifier ses messages privésSe connecter pour vérifier ses messages privés   ConnexionConnexion 

[AF] 18 - Scioglimento Ysabel - Leobrando
Aller à la page Précédente  1, 2, 3  Suivante
 
Poster un nouveau sujet   Répondre au sujet    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Provincia Ecclesiae Italicarum Gentium -> Tribunale Archiepiscopale dell'Arcidiocesi di Firenze
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant  
Auteur Message
Sir.Johnny



Inscrit le: 26 Juin 2009
Messages: 1571
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Mer Aoû 28, 2019 10:17 am    Sujet du message: Répondre en citant

Il presidente prese allora la parola dopo aver ascoltato la testimonianza della donna, poi su invito del procuratore le chiese:

Nella vostra testimonianza e ancor prima nella vostra richiesta di revisione, parlate di un rapporto logoro, di lunghe assenze e cito testuali parole "mio marito non mi rivolge la parola da molto tempo perché molto occupato ed indaffarato".
Poiché siete comunque sposi novelli, da febbraio, ed avete un figlio nato dalla vostra unione, vorrei che fosse più precisa come date, indicando più precisamente le tempistiche e ordinando i vari avvenimenti che sono accaduti.


Attese dunque la risposta della sposa.

_________________
®
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Ysabel



Inscrit le: 27 Jan 2018
Messages: 15

MessagePosté le: Mer Aoû 28, 2019 4:55 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Isabella, annuì alle parole del Presidente ed dopo aver ascoltato rispose pacatamente.

Vorrei solamente precisare che non è nato nessun figlio dalla nostra unione, precisamente abbiamo accolto nella nostra famiglia una giovane ragazza orfana di genitori. Da questa unione sì, sarebbe potuto nascere un bambino ma, purtroppo...

abbassò lo sguardo trattenendo le lacrime e disse.

Purtroppo...giorni e giorni addietro sono stata vittima di un incidente in carrozza e ciò ha turbato il mio corpo e la mia anima.
La mia stessa vita è stata messa a rischio ed ho perso il bambino che portavo in grembo. Frutto di questa sacra unione.


Si fece forza e cercò di non cadere in nessun triste pianto e proseguì.

Precisato ciò nel dettaglio specifico ciò che mi avete richiesto.
Dopo le nozze, avvenute nel mese di febbraio il rapporto è oscillato tra la presenza ed assenza di mio marito.
Cosa che riuscivamo a tamponare, avendo entrambi impegni, e non gravava in modo pesante sul rapporto di coppia.
Già dal mese di febbraio, affrontammo questo discorso, e prima di sposarci ci scambiammo promessa che lui sarebbe stato più attento ai miei bisogni ed io meno istintiva.
Presa coscienza delle promesse sono andata all'altare con spirito e con desiderio di migliorare per me, e per la coppia.
Agli inizi di giugno, la prima ondata di silenzio. Giorni senza dare sue notizie, senza nemmeno accertarsi di come stessi.
Trascorso giugno, sulla fine di giugno, tornò dicendo che aveva avuto impegni ed altre motivazioni e promise che non avrebbe mancato alla promessa fatta mesi addietro.
Poco dopo, un paio di settimane, agli inizi di luglio, mio marito è completamente sparito.
Non c'era più nessun dialogo, se non sporadici apparizioni.
Il giorno 17 luglio, è stata l'ultima volta in cui ci siamo parlati anche se pochissimo, dove lamentavo questa situazione che si trascinava ormai da due mesi , poi è sparito completamente. Giustificando la sua mancanza come mancanza di tempo.
Sapevo che era indaffarato essendo un consigliere della nostra Repubblica, ma la mia delusione è stata proprio nell'accertarmi che portasse avanti i suoi obblighi verso la città e verso la Repubblica, senza curarsi della sua famiglia e di sua moglie.
Ho atteso, ho atteso che capisse. Ma non è avvenuto nulla.
Il giorno 5 agosto, gli ho scritto una lettera di cui posseggo una copia, dove gli comunicavo la mia decisione, di voler recidere questo legame.
A quella missiva non ho mai ricevuto risposta nonostante il mio messo sa con precisione che è stata recapitata.
Benché sapessi che comunque svolgeva le sue attività quotidiane sono stata umiliata, dal suo silenzio e dal suo menefreghismo, nonostante sapesse cosa c'era in ballo per noi due.
Ossia una famiglia, un bambino in arrivo e tante altre cose che lui senza nessun rispetto ha rifiutato categoricamente col suo silenzio e con la sua totale assenza.


detto questo, restò in attesa, nel caso ci fosse stato altro da aggiungere.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Sir.Johnny



Inscrit le: 26 Juin 2009
Messages: 1571
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Jeu Aoû 29, 2019 8:09 am    Sujet du message: Répondre en citant

Per il momento non ho altre domande disse il presidente
_________________
®
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Orticaria



Inscrit le: 22 Fév 2018
Messages: 39
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Ven Aoû 30, 2019 1:35 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Neanche io. fece eco Ortensia.

Si rivolse dunque allo Sposo invitandolo ad alzarsi.

Figliolo, hai qualcosa da dire circa la richiesta di revisione dello status matrimoniale presentata dalla tua Sposa e su quanto ha dichiarato?
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
leonardo.brando.centurion



Inscrit le: 21 Avr 2016
Messages: 19

MessagePosté le: Mer Sep 04, 2019 10:14 am    Sujet du message: Répondre en citant

Leonardo guardò Isabella con occhi colmi di dolcezza e rispose alle domande del procuratore con un sorriso

Non posso che avallare le parole di Isabella in toto.

Le ho nascosto solo come in quel periodo abbia scoperto che un male oscuro stava minando la mia salute costringendomi a lunghi momenti di assenza.

Mi ha mantenuto in piedi solo il senso del dovere nei confronti della Repubblica, ma sono arrivato agli sgoccioli di quella che è la mia vita terrena.

Ho preferito far nascere in lei il risentimento in modo da darle la forza di compiere questo passo piuttosto che trascinarla nel mio mondo di dolore.

So che avrebbe mantenuto le promesse matrimoniali ma non merita di vivere con un fantasma.

Vi chiedo di essere clementi con lei che non ha alcuna colpa, e nemmeno mi ha portato a questo allontanamento con modi o atteggimenti.

Prendo sul mio capo ogni addebito in merito alla fine del matrimonio, perchè l'amore e l'affetto so che sono rimasti intatti da ambo le parti.

Isabella è giovane e merita di avere una vita felice, anche senza di me.

Ho finito.


Guardò di nuovo Isabella e si sedette faticosamente.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Orticaria



Inscrit le: 22 Fév 2018
Messages: 39
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Jeu Sep 05, 2019 10:23 am    Sujet du message: Répondre en citant

Ortensia ascoltò le parole dello Sposo, la notizia della malattia la colpì come uno schiaffo. Rimase per un istante interdetta poi si ricompose e disse:

Ti ringrazio, figliolo per la tua testimonianza.

Non ho domande da porre al testimone.

Lascio quindi la parola al Presidente.

_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Sir.Johnny



Inscrit le: 26 Juin 2009
Messages: 1571
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Ven Sep 06, 2019 7:45 am    Sujet du message: Répondre en citant

Vogliamo procedere solertemente ad ascoltare il testimone della sposa ? disse il presidente
_________________
®
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Orticaria



Inscrit le: 22 Fév 2018
Messages: 39
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Sam Sep 07, 2019 1:57 am    Sujet du message: Répondre en citant

Vostra Eccellenza, la sposa non ha nessun testimone che la Corte possa interrogare.
Così come non ne ha lo sposo.
Nessuna delle parti mi ha fatto avere i nomi di eventuali testimoni.


Disse Ortensia, rispondendo al Presidente
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Ysabel



Inscrit le: 27 Jan 2018
Messages: 15

MessagePosté le: Lun Sep 09, 2019 6:57 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Isabella attese, dopo aver udito Leonardo. Poi osservò la Corte e facendosi coraggio alzò la mano educatamente e disse.


Permettetemi, se mi è possibile vorrei poter dire una cosa.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Orticaria



Inscrit le: 22 Fév 2018
Messages: 39
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Lun Sep 09, 2019 6:59 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Prego figliola, parla pure...ne hai facoltà.

Rispose Ortensia alla Sposa, dopo aver udito la sua richiesta.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Ysabel



Inscrit le: 27 Jan 2018
Messages: 15

MessagePosté le: Mar Sep 10, 2019 9:34 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Isabella, ricevuto il consenso si alzò per dire la sua, ancora una volta.

Illustrissimi,
mi sono permessa di chiederVi di poter parlare, in quanto ho dei dettagli da aggiungere, delle considerazioni da portare alla luce su quanto sta accadendo in questa illustrissima aula.

Non ho presentato la richiesta di portare con me un testimone, in quanto le poche persone che avrebbero potuto intervenire nutrono affetto sia nei miei confronti che nei confronti di Leonardo. E non avrei mai messo in difficoltà queste persone che stimo profondamente.
Siamo giunti dinanzi a questa corte, abbiamo giurato di dire tutta la verità, ma suppongo che qualcuno non lo abbia fatto.

Leonardo, ha espresso chiaramente di essere ammalato e che mi abbia tenuto nascosto questo oscuro male che lo avrebbe attanagliato negli ultimi mesi e che lo abbia costretto a lunghi periodi di assenza.
Ammette anche di aver mantenuto il segreto con la sottoscritta per portarmi a far nascere dentro del risentimento.
Sostiene che ha tratto forza solo per il senso del dovere nei confronti della Repubblica Fiorentina... .

Queste parole hanno fatto nascere in me, non un risentimento. Ma una gran voglia di smentirlo nella totale serenità e sopratutto con una lucidità estrema, sperando di non mancare di rispetto a nessuno.
Dopo le sue affermazioni non posso che chiedermi e chiederVi...


fece una breve pausa, guardò Leonardo e con un delicato gesto della mano destra, lo indicò.

Come puoi un marito celare alla propria moglie un male del genere e desiderare di far nascere in lei un sentimento di rabbia o odio, allontanandosi?
Come può costui affermare che la sua malattia, il male oscuro che dice di avere, gli dia la forza solamente di alzarsi e trascinarsi dal letto per andare costantemente a fare la più bassa forma di politica nella piazza fiorentina?
Da dove nasce tutto questo ardore?
Allora suppongo non sia ammalato, e che abbia mentito dinanzi alle vostre Eccellentissimi persone e dinanzi ad Aristotele, dopo aver giurato sul testo Sacro.
Suppongo anche che i bei sentimenti che tanto decanta non siano altro che frutto della sua fervidissima e mai lucida immaginazione, perchè il matrimonio significa condividere.
Si è allontanato da me senza una chiara motivazione, e non sapendo cosa dire vorrebbe farci credere che è ammalato.

Ammettiamo che questo male oscuro esiste davvero, e che Aristotele non voglia perchè la morte ed il dolore non lo auguro neppure al mio peggior nemico, con quale spirito di condivisione è giunto all'altare?
Quale mente diabolica si allontana dalla moglie e spera che in lei nasca un risentimento, sapendo che la moglie porta in grembo il frutto nato dalla loro unione?

Io sono profondamente delusa, di essere in questa sala, dinanzi a Voi, in quanto con desiderio ed amore sono giunta al matrimonio dopo un anno di fidanzamento, consapevole del mio dovere di moglie, e del significato di questo sacramento.
Sono delusa perchè è un fallimento, mi sento un fallimento come donna e come moglie.
Non ero la donna e la moglie perfetta, non ero, non sono e non sarò mai una donna perfetta. Non sono stata mite con lui a volte, non sono stata paziente. Ma sentirmi così umiliata, da una persona a cui tutto avevo dato e tutto avrei dato, mi angoscia e mi mortifica in modo estenuante.


si fermò un attimo, raccogliendo i pensieri e proseguì con chiarezza e sincerità.

In me non c'è risentimento, in me non c'è nessun altro sentimento per quest'uomo.
Sarò probabilmente la peggiore delle mogli, ad affermare queste cose, in questa sala, ma ho rispetto per me stessa e per la mia persona e non ci sarà mai nessuno a cui permetterò di mancarmi di rispetto. Tanto meno a Leonardo.
Le sue mancanze si sono protratte per tempi inesorabili, è sparito da un giorno all'altro, eppure ha la forza di andare ad assolvere il suo compito di "politicante" nelle piazze fiorentine.
Non so come valuterà questa Corte, le mie parole, ma sono consapevole ad oggi che nei confronti di questo individuo, l'unico sentimento che provo è pena.
Non credo alle sue parole, perchè suscitano tante perplessità e mille domande a cui non voglio e non avrò mai risposta.
Non posso essere sposata con un uomo del genere, non provo più nulla. Non sento più nulla.

Mi rimetto al Vostro Giudizio, consapevole anche del fatto che queste mie parole possano risultare pesanti ed ingiuriose, ma lungi da me voler insultare qualcuno. Ma non permetto che mi si insulti, che si insulti la mia intelligenza.
Ma la mia dignità di donna è morta nel momento in cui Leonardo ha affermato di voler far nascere in me del risentimento e mi ha allontanata di sua volontà.
Il mio amore è morto nel momento in cui dalla sua bocca sono uscite teste parole.


Citation:
Mi ha mantenuto in piedi solo il senso del dovere nei confronti della Repubblica, ma sono arrivato agli sgoccioli di quella che è la mia vita terrena.


Sono una donna, ma ho pur sempre una dignità ed un onore da preservare, e non permetto più menzogne, ne altre ed inutili umiliazioni che mi feriscono.
Da un uomo simile, che è sparito, senza curarsi di sua moglie, sapendo anche che ero in dolce attesa di un figlio suo, che millanta la sua presenza nelle pubbliche piazze e si fa partecipe di situazioni indicibili, da un marito che non ha nemmeno alzato un dito per scrivere una lettera a sua moglie, a me, il giorno in cui un terribile incidente mi ha procurato un dolore straziante, la perdita di mio figlio. Di suo figlio.
Dov'è l'amore in questo? Dov'è il rispetto? Dove sono i precetti aristotelici del sacramento del matrimoni?
Penso che dopo questo, tutto sia svanito per me.
Non ci sono sentimenti in grado di descrivere la mia totale apatia nei confronti di questo individuo che ora, consapevolmente dico di non conoscere più.


finito di parlare, Isabella, con aria imperturbabile si sedette composta in attesa .
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Orticaria



Inscrit le: 22 Fév 2018
Messages: 39
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Sam Sep 14, 2019 11:35 am    Sujet du message: Répondre en citant

Ortensia era ancora intenta a prendere appunti, quando la Sposa terminò il suo intervento.
Scrisse ancora qualche parola e dopo un breve istante di silenzio le disse:


Figliola, non devi temere il giudizio di questa Corte...se il tuo cuore è puro e le tue parole sincere, non avrai nulla di cui preoccuparti.
L'Altissimo, nella sua infinita saggezza e bontà, sa riconoscere la verità ed attraverso Noi che siamo il suo strumento terreno, prenderà la giusta decisione.

Detto questo però, vorrei chiederti...
Nel tuo primo intervento in quest'aula ti ho sentito proferire le seguenti parole: "Nonostante i sentimenti ancora vivi ed immutati...", nei confronti di chi? del tuo Sposo o di ciò che rappresenta il Sacro vincolo del Matrimonio?

_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Ysabel



Inscrit le: 27 Jan 2018
Messages: 15

MessagePosté le: Dim Sep 15, 2019 11:18 am    Sujet du message: Répondre en citant

Isabella sentite le parole del Procuratore, riprese parola.

I sentimenti verso l'uomo che ho sposato erano sinceri. Sono giunta qui consapevole che essi ci fossero ma nell'ascoltare la sua deposizione mi sono resa conta di essere innamorata di un idea. Di un uomo che non è qui. Dinanzi a me ho un uomo che non riconosco.
Come ho già espresso, la certezza di quei sentimenti è crollata nel momento in cui sono stata umiliata dalle sue parole.
La sacralità che attribuisco al matrimonio, al sacramento, in se è molto profonda e dopo gli ultimi avvenimenti mi rendo conto che sono espressamente vissuti a senso unico, nel mio senso. Credo ancora nei valori che dovrebbero unire un uomo ed una donna dinanzi a Dio, ma purtroppo non posso e non voglio impegnarmi da sola a dare, a condividere e a creare qualcosa in un rapporto ormai logoro e finto che mi lega a Leonardo.


Fece una piccola pausa ed attese.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Orticaria



Inscrit le: 22 Fév 2018
Messages: 39
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Lun Sep 16, 2019 10:05 am    Sujet du message: Répondre en citant

Ti ringrazio figliola per le tue parole e per la tua risposta chiarificatrice.

...rispose Ortensia dopo aver ancora una volta preso appunti, poi, dopo essersi alzata, si rivolse al Presidente:

Eccellentissimo Presidente, Reverendissimo Padre io non ho altre domande per la Sposa...Vi ringrazio e lascio a Voi la parola.
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Sir.Johnny



Inscrit le: 26 Juin 2009
Messages: 1571
Localisation: Firenze

MessagePosté le: Mar Sep 17, 2019 6:29 am    Sujet du message: Répondre en citant

Se non ci sono altri testimoni, direi che è tutto

L'udienza è tolta,
la corte si ritira per deliberare.

_________________
®
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Montrer les messages depuis:   
Poster un nouveau sujet   Répondre au sujet    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Provincia Ecclesiae Italicarum Gentium -> Tribunale Archiepiscopale dell'Arcidiocesi di Firenze Toutes les heures sont au format GMT + 2 Heures
Aller à la page Précédente  1, 2, 3  Suivante
Page 2 sur 3

 
Sauter vers:  
Vous ne pouvez pas poster de nouveaux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas éditer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas supprimer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas voter dans les sondages de ce forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduction par : phpBB-fr.com