L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church
Forum RP de l'Eglise Aristotelicienne du jeu en ligne RR
Forum RP for the Aristotelic Church of the RK online game
 
Lien fonctionnel : Le DogmeLien fonctionnel : Le Droit Canon
 FAQFAQ   RechercherRechercher   Liste des MembresListe des Membres   Groupes d'utilisateursGroupes d'utilisateurs   S'enregistrerS'enregistrer 
 ProfilProfil   Se connecter pour vérifier ses messages privésSe connecter pour vérifier ses messages privés   ConnexionConnexion 

Trattato Araldico tra Chiesa e Repubblica

 
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> La Chiesa delle Venezie e dello Stato da Mar
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant  
Auteur Message
Stex86
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 28 Sep 2011
Messages: 4656

MessagePosté le: Mer Nov 28, 2018 9:22 pm    Sujet du message: Trattato Araldico tra Chiesa e Repubblica Répondre en citant

Citation:


    Trattato di Mutuo Riconoscimento Araldico fra la Santa Sede e la Repubblica di Venezia


    Noi, Ranieri III Giovanni Aleramico del Vasto Foscari Widmann d'Ibelin, Principe di Galilea, Marchese di Isola San Marco, Conte di Sant Julià de Lòria, Barone d'Ordino, davanti l'Altissimo e sotto lo sguardo di Aristotele, nella nostra capacità di Ufficiale Araldo e Prefetto dei Collegi Araldici Pontifici, in accordo con il Grande Ufficiale Araldo, e come rappresentante del Santo Padre, Innocenzo VIII, Sommo Pontefice della Chiesa Universale,

    &

    Noi, Virginia Asburgo d'Argovia, Contessa di Lazise e Viscontessa di Capo d'Istria, Regina d'Armi della Serenissima Repubblica di Venezia a capo dell'Istituzione Araldica



    Abbiamo decretato e ordinato, e per il nostro presente editto perpetuo e definitivo stabiliamo e prescriviamo le seguenti norme sul mutuo riconoscimento araldico fra la Santa Sede e la Repubblica di Venezia.

    Nessuno potrà obiettare a questo editto e a ciò che contiene, esso deve essere rispettato da chiunque indistintamente e ottiene piene efficacia una volta pubblicato.

    Dichiariamo nullo e privo di valore tutto ciò che verrà pubblicato e deciso da chiunque, qualunque sia la sua autorità, consciamente o inconsciamente, che vada in contrasto col presente editto.


      Art.1 - Del Riconoscimento
      La Serenissima Repubblica di Venezia riconosce i Collegi Araldici Pontifici quali Istituzione Araldica legittima al pari dell'Araldica di Venezia, i suoi costumi, leggi e regolamenti araldici.
      La Santa Sede Apostolica riconosce l'Araldica di Venezia quale Istituzione Araldica Araldica legittima al pari dei Collegi Araldici Pontifici, i suoi costumi, leggi e regolamenti araldici.

      Art.2 - Della Nobiltà
      La Serenissima Repubblica di Venezia riconosce la Nobiltà Pontificia, compresa negli Ordini Equestre, Senatorio e Cavalleresco, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui gode all'interno degli Stati della Chiesa.
      La Santa Sede Apostolica riconosce la Nobiltà Veneziana con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui gode all'interno della Serenissima Repubblica di Venezia.

      Art.3 - Dei Blasoni
      Il nobile in possesso di titoli in entrambi gli stati, dovrà richiedere il blasone personale e i sigilli all'istituzione araldica competente per il titolo più elevato e richiederne poi la registrazione all'araldica competente per il titolo inferiore.
      Se in possesso di titoli di medesimo rango in entrambi gli stati, il nobile dovrà scegliere il proprio collegio d'elezione per la produzione grafica, fermo restando l'obbligo di registrazione presso l'altra istituzione araldica competente.
      I chierici faranno sempre richiesta di blasone personale e sigilli presso i Collegi Araldici Pontifici, anche se in possesso di un titolo nobiliare Veneziano, ma dovranno farlo registrare dall'Araldica di Venezia.

      Art.4 - Dei Casati
      La Serenissima Repubblica di Venezia riconosce le Casate Romane secondo il rango loro riconosciuto dalla Sede, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui esse godono all'interno degli Stati della Chiesa.
      La Santa Sede Apostolica riconosce le Casate Veneziane secondo il rango loro riconosciuto dalla Serenissima Repubblica di Venezia, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui esse godono all'interno della Serenissima Repubblica di Venezia, con l'eccezione di aggregati eretici, scomunicati o apostati.
      Verranno considerati validi ai fini di riqualificazione o riconoscimento i titoli concessi da entrambe le istituzioni araldiche.

      Art.5 - Collaborazione sulle Nobilitazioni
      La Serenissima Repubblica di Venezia, per mezzo dell'Araldica di Venezia, si impegna a non concedere titoli, a non riconoscere la nomina di vassalll o di cavaliere feudale, a chiunque si trovi sotto anatema, scomunica, interdetto o venga riconosciuto come eretico dalla Santa Chiesa Aristotelica Romana. 
      L'Araldica di Venezia confischerà per direttissima i feudi od annullerà lo status di vassalo o di cavaliere feudale della persona posta sotto anatema, scomunica, interdetto o riconosciuta come eretico dalla Santa Chiesa Aristotelica Romana.
      Nel caso in cui la scomunica venga resa nulla a seguito di ricorso, secondo quanto previsto dal Diritto Canonico, verrà resa nulla anche la confisca o l'annullamento.
      La Santa Sede Apostolica, per mezzo dei Collegi Araldici Pontifici, si impegna a non concedere titoli nobiliari a coloro che siano stati condannati per Alto Tradimento verso la Serenissima Repubblica di Venezia, salvo che il motivo sia religioso. 


    Ad Maiorem Dei Gloriam


    Fatto a Roma, il x giorno del X mese dell'Anno di Grazia MCDLXV.



    Con il pieno accordo e l'autorità araldica delegata,
    Per la Santa Sede Apostolica e i Collegi Araldici Pontifici



    Ranieri III Giovanni Aleramico del Vasto Foscari Widmann d'Ibelin,
    Ufficiale Araldo e Prefetto dei Collegi Araldici Pontifici.



    Come testimone e con l'approvazione,

    Arnarion de Valyria-Borgia,
    Arcicancelliere della Santa Sede Apostolica


    Per la Serenissima Repubblica di Venezia

    Virginia Asburgo d'Argovia,
    Contessa di Lazise, Viscontessa di Capo d'Istria
    Regina d'Armi




    Sua Altezza Serenissima
    Odessa Soleado Asburgo d'Argovia
    Doge della Repubblica di Venezia e dello Stato da Mar






[/quote]
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé MSN Messenger
Montrer les messages depuis:   
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> La Chiesa delle Venezie e dello Stato da Mar Toutes les heures sont au format GMT + 2 Heures
Page 1 sur 1

 
Sauter vers:  
Vous ne pouvez pas poster de nouveaux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas éditer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas supprimer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas voter dans les sondages de ce forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduction par : phpBB-fr.com