L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church
Forum RP de l'Eglise Aristotelicienne du jeu en ligne RR
Forum RP for the Aristotelic Church of the RK online game
 
Lien fonctionnel : Le DogmeLien fonctionnel : Le Droit Canon
 FAQFAQ   RechercherRechercher   Liste des MembresListe des Membres   Groupes d'utilisateursGroupes d'utilisateurs   S'enregistrerS'enregistrer 
 ProfilProfil   Se connecter pour vérifier ses messages privésSe connecter pour vérifier ses messages privés   ConnexionConnexion 

[UNI28] Matrimonio Scioglimento Filippide- Samyraa
Aller à la page Précédente  1, 2, 3
 
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Tribunali Ecclesiastici Italofoni -> Officialità Nazionale Italofona
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant  
Auteur Message
filippide



Inscrit le: 24 Mar 2020
Messages: 10

MessagePosté le: Jeu Avr 09, 2020 10:42 am    Sujet du message: Répondre en citant

Eminenza vi posso assicurare che io al momento della presentazione della richiesta di scioglimento ero pienamente convinto mia moglie fosse morta.
Come ho detto ho pianto la sua scomparsa, sono sopravvissuto comunque a quel che io credevo un lutto, solo grazie all aiuto di una persona di cui poi mi sono innamorato.
Forse che un naufrago guarda prima da che parte viene la speranza di sopravvivere? Ho affidato il mio cuore a questa persona convinto della scomparsa di mia moglie e solo dopo aver elaborato questo ho presentato la domanda di revisione.
Ora quel che io vi chiedo è di accogliere la mia richiesta di scioglimento e per quanto riguarda il fedifrago be' se vorrete punirmi fatelo per questo ma dal mio punto di vista non v è stata mancanza
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé Adresse AIM
filippide



Inscrit le: 24 Mar 2020
Messages: 10

MessagePosté le: Jeu Avr 09, 2020 10:46 am    Sujet du message: Répondre en citant

Concludo eminenza non vi è stata mancanza proprio perché io all epoca ero convinto e sicuro della scomparsa di mia moglie e ritengo perciò di non essere colpevole di questo.
Le mie testimonianze sono tutte state sincere e date col cuore.

Detto questo filippide tornò a sedersi
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé Adresse AIM
pamelita
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 15 Oct 2013
Messages: 3283
Localisation: Ducato di Milano

MessagePosté le: Sam Avr 11, 2020 12:29 am    Sujet du message: Répondre en citant

Messere dite che vostra moglie era morta, ma la vedete voi stesso qui viva e vegeta. volete forse dire che la donna che avete dinnanzi a voi non è vostra moglie?
Vostra moglie forse era ritirata in un convento, di certo non si può dire morta.

Se ipoteticamente lo fosse anche stata, il rivolgervi a un altra donna prima di aver ricevuto almeno un certificato di morte. non vi da il diritto di poter credere di essere nel giusto.

Il matrimonio non è un gioco che inizia e finisce quando si desidera, é un sacramento ..e lo dice la parola è sacro. è un giuramento dinnanzi a Dio che voi avete fatto quando avete sposato la donna che vi siede vicino.

Non siamo qui per ascoltare il vostro punto di vista,... vi siete macchiato dinnanzi a Dio di una grave mancanza contravvenendo cosi al giuramento fatto.


Poi rivolta alla moglie:

Mia cara avete qualcosa da aggiungere, dopo aver ascoltato le parole di vostro marito ?
_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
samyraa



Inscrit le: 02 Avr 2020
Messages: 6

MessagePosté le: Sam Avr 11, 2020 10:58 am    Sujet du message: Répondre en citant

il dolore che provava era davvero grande,dentro di se si sentiva mancare soffriva nel sentire le parole di quello che è stato il suo più grande amore,

Poi alzandosi in piedi si rivolse a Sua Eminenza

stavo li su un letto malata e lui cosa faceva, mentre mi logoravo dal dolore in un letto che poteva essere la mia morte,non solo non mi è stato vicino ma già si consolava con un' altra dama,mi tradiva,ma non solo soffro per l'atto del tradimento ma soffro anche perchè in quel momento in cui è stato fatto era ancora legato da un indissolubile legame matrimoniale,un atteggiamento che mi fa soffrire.
una settimana prima della mia malattia siamo partiti in vacanza insieme,ci si scambiava i regali,ci si amava,torno e trovo questo,un comportamento inaccettabile,nessuna spiegazione solo che ama un' altra donna
mai mi sarei aspettata questo dal mio amato
sono sofferente ma ritengo ormai giusto essere qui e avere l'annullamento da un uomo che non solo non mi è stato vicino
ma mi ha tradita


Detto questo intrecciando le mani e mordendosi il labbro nervo si riaccomodò al suo posto
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
pamelita
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 15 Oct 2013
Messages: 3283
Localisation: Ducato di Milano

MessagePosté le: Mar Avr 14, 2020 12:37 am    Sujet du message: Répondre en citant

Il cardinale ascoltata la donna si rivolse al Presidente.

Eccellenza credo che il quadro sia chiaro e se per voi va bene io inizierei con la requisitoria.
_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Svevo



Inscrit le: 03 Avr 2016
Messages: 1987

MessagePosté le: Mar Avr 14, 2020 9:59 am    Sujet du message: Répondre en citant

Il Presidente rispose:

Prego Eminenza, procedete pure
_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
pamelita
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 15 Oct 2013
Messages: 3283
Localisation: Ducato di Milano

MessagePosté le: Jeu Avr 30, 2020 11:48 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Ascoltata la sposa e sentite le parole del Presidente Il cardinale rispose:




Vostra Eccellenza, Signori della Giuria
In data 12 Marzo 1468 presentava richiesta presso questo Tribunale l’istante Filippide, chiedendo l’annullamento del matrimonio con Samyraa contratto il 06/09/1467 dal quale non sono nati figli

Egli dichiara:

Citation:
Mia moglie è irreperibile dal 28/01/1468 e non ho sue notizie


E' emerso poi nel corso del dibattimento che La sposa si era solo ritirata dalla vita mondana perchè malata, mentre il marito ha visto bene di consolarsi per la mancanza della moglie con un altra dama.

ai sensi dell’art. 3 del diritto canonico “ Il matrimonio è la consacrazione dell’accordo profondo tra due persone , creando una condivisione della vita, reputata indissolubile e simboleggiando l’Amicizia Aristotelica in una delle sue forme più strette. “

E' chiaro quindi che lo sforzo di entrambi i coniugi debba essere quello di costruire questa relazione e renderla feconda vicendevolmente, sia pure coscienti delle difficoltà che questa comporta e lottando per conseguire il massimo grado possibile dell'Amicizia Aristotelica. All'atto pratico questo è venuto a mancare .

Per tutto quanto sopra esposto, poiché a norma dell’art. 6.1 del diritto canonico in materia di annullamento, tra i motivi invocati per lo scioglimento del matrimonio vi è la sparizione dei sentimenti d’amore tra i coniugi, chiediamo a questa Corte di:

- accogliere la richiesta e sciogliere il matrimonio
- Disporre che la sposa non riceva nessuna pena in quanto si è allontanata per curare la sua malattia.
- Disporre per lo sposo che si è consolato presto per la mancanza della moglie, presentando domanda di scioglimento e dichiarando che ella fosse scomparsa, mentre dal dibattimento è emerso che lei stesse curando una grave malattia, in questo modo egli ha dimostrato di aver preso il matrimonio alla leggera, un'interdizione allo stesso pari a mesi 9 (Nove)
- Disporre come condizione necessaria per contrarre un nuovo matrimonio, che essi seguano un corso sul matrimonio ottenendo attestato di partecipazione, oppure compiano un cammino di preparazione con il proprio Vescovo
- Stabilire, per entrambi i coniugi, che rendano confessione ad un prelato presso il Monastero in cui seguirà il corso di preparazione al matrimonio o ad uno appartenente alla propria diocesi.

Ho concluso

_________________

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Svevo



Inscrit le: 03 Avr 2016
Messages: 1987

MessagePosté le: Ven Mai 01, 2020 10:28 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Il Presidente rientrò in aula con il parere

Citation:



              Tribunale dell'Ufficialità Nazionale Italofona




              Richiesta di valutazione per i Cardinali del Concistoro Romano

                Il Tribunale dell'Ufficialità Nazionale Italofona


              Presieduto da S.E. Monsignor Dante Saverio Montefeltro Casanova de la Roche detto "Svevo"

                    ha pronunciato il seguente



              PARERE NAZIONALE SU RICHIESTA DI SCIOGLIMENTO


Nel ricorso presentato da:

•Nome IG: Filippide
•Diocesi/Parrocchia di appartenenza: Mantua
•Status Giudiziario del richiedente(laico, ordinato, eterodosso, scomunicato, etc): Laico

RICORRENTI:
•Nome IG Sposo: Filippide
•Nome IG Sposa: Samyraa
Rappresentati e difesi: in proprio
Con l’intervento ex lege del Procuratore Nazionale, S.Em. Monsignora Alexandra Pamela Cagliostro D'Altavilla, detta " Pamelita"

CONCLUSIONI DELLA RICORRENTE:

• Dichiararsi l'annullamento del matrimonio celebrato il 6 settembre 1467 da Nefe nella Parrocchia di Pisa, con testimoni Kevlar per lo sposo e Rosemarye per la sposa.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L'istante Filippide chiedeva al Tribunale dell'Ufficialità Nazionale Italofona, di dichiarare lo scioglimento del matrimonio in quanto la moglie era scomparsa dal 28 gennaio. A distanza di due mesi, il 27 marzo, lo sposo affermava in aula di averla contattata con vani risultati.
Durante il processo, però, la sposa compariva in aula.
Ella affermava di essere stata colpita da un malore improvviso che la tenne addormentata per circa due mesi e che al suo ritorno al tetto coniugale trovò la convocazione di codesto Tribunale per la revisione dello status matrimoniale. Al tentativo della sposa di ottenere informazioni, il marito rispondeva che ormai era innamorato di un'altra donna.
La Corte constatava quindi che lo sposo nascondeva una relazione non avendo ancora sciolto il suo vincolo matrimoniale.
Vani i tentativi della Corte di riconciliare i coniugi.

              MOTIVI DELLA DECISIONE


La domanda è fondata e va, pertanto, accolta.

Sussistono, infatti, i presupposti di applicazione dell’art. 6.1 del diritto canonico in materia di scioglimento del matrimonio.
Dal dibattimento è emersa la volontà dello scioglimento, da parte dello sposo e dello sposa, per la scomparsa dei sentimenti d'amore.

              P.Q.M.


Il Tribunale dell'Ufficialità Nazionale Italofona, definitivamente pronunciando sul ricorso presentato da Filippide, con l’intervento in causa del Procuratore Nazionale, così propone:
1) Dichiara lo scioglimento del matrimonio risultando evidente la scomparsa dei sentimenti d'amore da parte di entrambi gli sposi.
2) Decide di non interdire al matrimonio la sposa ritenuta irresponsabile della sparizione dei sentimenti.
3) Decide di interdire al matrimonio lo sposo per un periodo di nove (9) mesi, dall'approvazione della sentenza da parte del Concistoro Cardinalizio affinché possa meditare sull'importanza del Sacramento del Matrimonio. Ritenendo tale periodo congruo anche ai fatti tenuti nascosti alla Corte.
4) Stabilisce che per entrambi gli sposi sarà condizione necessaria per un nuovo matrimonio rendere confessione ad un prelato presso la propria Diocesi e seguire un corso di Preparazione Matrimoniale presso l'Abbazia di Fornovo o il Monastero di San Domenico oppure seguire un percorso di preparazione con il proprio Vescovo


Così deciso in Camera di Consiglio il giorno I del mese di Maggio dell'anno 1468









Deposito atti processuali:

_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Astuzia
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 14 Déc 2010
Messages: 1249
Localisation: Italia

MessagePosté le: Mer Juil 08, 2020 9:39 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:

    Sentenza di Scioglimento del sacramento del matrimonio

    ed in fase di pubblicazione dirò qualcosa del tipo.
    Noi, Cardinali del Concistoro Pontificio Italofono, davanti all'Onnipotente e sotto lo sguardo di Aristotele, per grazia di Dio e di Papa Sixtus IV,


    - vista la richiesta di scioglimento del matrimonio tra i fedeli Filippide e Samyraa, matrimonio celebrato celebrato il 6 settembre 1467 da Nefe nella Parrocchia di Pisa, con testimoni Kevlar e Rosemarye;
    - visto il parere emesso in merito dal Tribunale dell'Ufficialità Nazionale Italofona il giorno I del mese di Maggio dell'anno 1468;
    - visto l'art. 6.4 del diritto canonico in materia di scioglimento semplificato del matrimonio;
    - visto il documento concistoriale "Sulla fine del Matrimonio" emanato il 1° Luglio 1461;
    - visto il Parere del Concistoro Cardinalizio col quale ha demandato ulteriori indagini al Procuratore;

    Abbiamo stabilito e ordinato, e con il nostro presente editto perpetuo e definitivo, diciamo, stabiliamo e ordiniamo:
    lo scioglimento del matrimonio tra i fedeli Filippide e Samyraa, matrimonio celebrato celebrato il 6 settembre 1467 da Nefe nella Parrocchia di Pisa, con testimoni Kevlar e Rosemarye;


    Inoltre comminiamo le seguenti pene:

    per lo sposo:

    - interdizione di 9 mesi (nove) a partire dalla data di pubblicazione della presente sentenza affinché possa meditare sull'importanza del Sacramento del Matrimonio;
    - imporre come condizione necessaria per un nuovo matrimonio seguire un corso sul matrimonio presso l'Abbazia Cistercense di Fornovo o presso Il Monastero di San Domenico, oppure compia un cammino di preparazione con il proprio Vescovo ed ottenere attestato di partecipazione e rendere confessione ad un prelato presso il Monastero o l'Abbazia in cui seguirà il corso di preparazione al matrimonio o ad un altro della propria Diocesi.
    - ottenuto lo scioglimento del matrimonio, continui ad ottemperare ai compiti legati alla loro genitorialità, che non decade con lo scioglimento medesimo;
    - versi la somma di 100,00 (cento) ducati alle casse della diocesi di appartenenza, previo accordo con vescovo titolare che dovrà rilasciare attestazione di ricevuta, entro sette giorni dalla pubblicazione della presente sentenza e ne consegni attestazione al presente tribunale.

    per la sposa:

    - nessuna interdizione al Sacramento del Matrimonio;
    - imporre come condizione necessaria per un nuovo matrimonio seguire un corso sul matrimonio presso l'Abbazia Cistercense di Fornovo o presso Il Monastero di San Domenico, oppure compia un cammino di preparazione con il proprio Vescovo ed ottenere attestato di partecipazione e rendere confessione ad un prelato presso il Monastero o l'Abbazia in cui seguirà il corso di preparazione al matrimonio o ad un altro della propria Diocesi.
    - ottenuto lo scioglimento del matrimonio, continui ad ottemperare ai compiti legati alla loro genitorialità, che non decade con lo scioglimento medesimo;
    - versi la somma di 30,00 (trenta) ducati alle casse della diocesi di appartenenza, previo accordo con vescovo titolare che dovrà rilasciare attestazione di ricevuta, entro sette giorni dalla pubblicazione della presente sentenza e ne consegni attestazione al presente tribunale.


    Ancora, avverte:

    Che Avverso la presente sentenza è ammesso ricorso al Tribunale della Sacra Rota entro il termina di 30 giorni dalla pubblicazione, da presentarsi su apposito modulo presso l'apposito ufficio


    Il Cardinale Valentino Borgia, detto "Astuzia" è incaricato della vigilanza sul puntuale adempimento da parte dei coniugi delle penitenze prescritte.

    Fatto a Roma sotto il pontificato del Santo Padre Sixtus IV, il VIII giorno del mese di Luglio, dell'anno di grazia MCDLXVIII.

    Per il Concistoro Pontificio Italofono, il Cardinale Diacono Valentino Borgia "Astuzia"

    S. E. R.ma Astuzia Cardinale Valentino Borgia
    +Cardinale-presbitero della Parrocchia di San Barnaba a Ripa
    +Vescovo della Diocesi In Partibus Infidelium di Augusta
    +Monaco Cistercense
    +Prefetto della Congregazione delle Sante Armate per le Province Italofone




_________________
Valentino Borgia, called "Astuzia", cardinal-presbyter
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Montrer les messages depuis:   
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Tribunali Ecclesiastici Italofoni -> Officialità Nazionale Italofona Toutes les heures sont au format GMT + 2 Heures
Aller à la page Précédente  1, 2, 3
Page 3 sur 3

 
Sauter vers:  
Vous ne pouvez pas poster de nouveaux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas éditer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas supprimer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas voter dans les sondages de ce forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduction par : phpBB-fr.com