L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church
Forum RP de l'Eglise Aristotelicienne du jeu en ligne RR
Forum RP for the Aristotelic Church of the RK online game
 
Lien fonctionnel : Le DogmeLien fonctionnel : Le Droit Canon
 FAQFAQ   RechercherRechercher   Liste des MembresListe des Membres   Groupes d'utilisateursGroupes d'utilisateurs   S'enregistrerS'enregistrer 
 ProfilProfil   Se connecter pour vérifier ses messages privésSe connecter pour vérifier ses messages privés   ConnexionConnexion 

[Codex] Traités héraldiques - Heraldic treaties

 
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Les Collèges Héraldiques pontificaux – The Pontifical College of Heraldry
Voir le sujet précédent :: Voir le sujet suivant  
Auteur Message
Aaron
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 07 Mar 2006
Messages: 13195
Localisation: Castelli Romani

MessagePosté le: Mar Juin 03, 2014 11:09 am    Sujet du message: [Codex] Traités héraldiques - Heraldic treaties Répondre en citant


_________________

Patriarche in Partibus d'Alexandrie


Dernière édition par Aaron le Jeu Juil 10, 2014 12:25 pm; édité 2 fois
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé MSN Messenger
Endymion
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 13 Juil 2011
Messages: 6566
Localisation: Ste Illinda ou Rome

MessagePosté le: Mer Juin 11, 2014 5:39 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:


    De la noblesse pontificale et de la noblesse bretonne


    Nous, Aaron de Nagan, cardinal et doyen du Sacré-Collège des Cardinaux, archichancelier du Saint-Siège Apostolique et grand-officier héraut des Collèges Héraldiques Pontificaux, archevêque de Césarée, duc d’Urbino et vicomte d’Ivry, en notre qualité de représentant du Souverain Pontife, Innocent VIII,

    &

    Nous, Patate Ier, en notre qualité de Grand-Duc de Bretagne,



    Avons statué et ordonné, et par notre présent édit, perpétuel et définitif, statuons et ordonnons la reconnaissance mutuelle des noblesses bretonne et pontificale, en ce compris équestre, sénatoriale et chevaleresque, en dehors et au-dedans des territoires des États de l’Église et du Grand Duché de Bretagne, avec les mêmes droits, devoirs, privilèges et exemptions que dans nos États respectifs.

    Par conséquent, nous établissons et prescrivons ses normes, sans que personne ne puisse s’opposer au présent édit et à ce qu’il contient. Qu’il soit observé par tous, nonobstant toutes choses contraires. Qu’il soit publié et obtienne aussitôt ses effets pleins et entiers.

    Déclarons nul et non-avenu ce qui, par quiconque, quelle que soit son autorité, consciemment ou inconsciemment, sera décidé ou publié en opposition à cet édit.


    Ad Majorem Dei Gloriam


    Donné à Nantes, le 22 mai de l’an de grâce MCDLXII de Notre Seigneur.


    Pour le Grand Duché de Bretagne,


    Patate 1er, Grand Duc de Bretagne, Duc du Trégor.

    En tant que témoin,

    Bioul de Lanngroez, Roy d'armes de Bretagne


    Avec l’accord plein et entier, et l’autorité déléguée du Souverain Pontife Innocent VIII,
    Pour le Saint-Siège Apostolique,


    Aaron de Nagan,
    Archichancelier du Saint-Siège Apostolique.


    En tant que témoin,

    Endymion d'Abbadie,
    Préfet des Collèges Héraldiques Pontificaux.


_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Endymion
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 13 Juil 2011
Messages: 6566
Localisation: Ste Illinda ou Rome

MessagePosté le: Mer Juin 11, 2014 5:40 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:


    De la nobleza pontificia y valenciana


    Nos, Aaron de Nagan, cardenal y decano del Sacro Colegio de los Cardenales, archicanciller de la Sede Apostólica y gran oficial heraldo de los Colegios Heráldicos Pontificios, Arzobispo de Cesárea, Duque de Urbino y Vizconde de Ivry, en nuestra calidad de representante del Soberano Pontífice Inocencio VIII.

    &

    Nos, Ederne de Berasategui, Regente del Reino de Valencia y Nicolás Borgia, Gobernador y cabeza del Consejo de Valencia,



    Hemos decretado y ordenado, y por nuestro presente edicto, perpetuo y definitivo, decretamos y ordenamos el mutuo reconocimiento de las noblezas valenciana y pontificia, incluyendo el rango ecuestre, senatorial y caballeresco, fuera y dentro de los territorios de los Estados de la Iglesia y del Reino de Valencia, con los mismos derechos, deberes, privilegios y exenciones que en nuestros Estados respectivos.

    Por consiguiente, establecemos y prescribimos sus normals, sin que nadie se pueda oponer al presente edicto y a lo que contiene. Que sea observado por todos a pesar de todas las cosas contrarias. Que sea publicado y obtenga de inmediato sus efectos plenos y enteros.

    Declaramos nulo e inválido todo aquellos que sea decidido o publicado en oposición a este edicto por quienquiera que fuese, cualquiera que fuese su autoridad.


    Ad Majorem Dei Gloriam


    Dado en el Palau del Reial, el 31 de Mayo del Año de Gracia MCDLXII de Nuestro Señor.

    Con el consentimiento pleno y entero y la autoridad delegada de la Regente,
    Por el Reino de Valencia



    Ederne de Berasategui
    Regente del Reino de Valencia



    Nicolás Borgia
    Gobernador del Reino de Valencia



    Como testigo,

    Cristiano Asburgo de Aragón
    Chanciller de Valencia


    Con el consentimiento pleno y entero y la autoridad delegada del Soberano Pontífice Inocencio VIII,
    Por la Sede Apostólica,



    Aaron de Nagan,
    Archicanciller de la Santa Sede .



    Como testigo,

    Endymion d'Abbadie,
    Prefecto del Colegio Heráldico Romano.




_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Endymion
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 13 Juil 2011
Messages: 6566
Localisation: Ste Illinda ou Rome

MessagePosté le: Mar Juil 15, 2014 7:09 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:


    About pontifical nobility and imperial nobility


    Us, Aaron de Nagan, cardinal and dean of the Sacred College of Cardinals, arch-chancellor of the Holy Apostolic See and grand-officer herald of the Papal Colleges of Heraldry, Archbishop of Caesarea, Duke of Urbino and Vicomte d'Ivry, in our capacity as representative of the Pope, Innocent VIII
    &

    Us, Jade de Sparte de Cetzes, Queen Consort of France, Imperial Duchess of Salzburg, Countess of Pompey, Countess Consort of Castelnau de Bonnafous, Royal Baronness of Rouvroy, Lady of Autrey-lès-Gray and Châtenois, as our capacity of Regent of Sacrum Romanum Imperium Nationis Germanicæ,



    Have decreed and ordered, and through our present edict, perpetual and final, ordain and command the mutual recognition of imperial and papal nobility, including equestrian, senatorial and chivalrous, outside and inside the territories of the States of the Church and of Sacrum Romanum Imperium Nationis Germanicæ, with the same rights, duties, privileges and exemptions in our respective states.

    Therefore, we establish and prescribe norms, no one can object to this edict and what it contains. Must be observed by all, notwithstanding anything to the contrary. Must be published and immediately obtain its full effect.

    Since this document is signed during a vacancy of the imperial throne, it will need to be confirmed by the next elected Emperor as per the Magna Carta

    Declare null and void which, by anyone, whatever its authority, consciously or unconsciously, will be decided and published in opposition to this edict.


    Ad Majorem Dei Gloriam


    Given at Imperial Palace of Strasburg, the 10th day of July, the year of grace MCDLXII of Our Lord.


    For Sacrum Romanum Imperium Nationis Germanicæ,


    Jade de Sparte de Cetzes


    As witness,


    Findecano de Brancion, Imperial King of Arms


    With the full consent and delegated authority of the Sovereign Pontiff Innocent VIII,
    For the Holy Apostolic See,


    Aaron de Nagan,
    Arch-chancellor of the Holy Apostolic See.


    As witness,

    Endymion d'Abbadie,
    Prefect of the Papal Colleges of Heraldry.

_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Endymion
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 13 Juil 2011
Messages: 6566
Localisation: Ste Illinda ou Rome

MessagePosté le: Sam Aoû 02, 2014 4:55 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:


    Trattato di Mutuo Riconoscimento Araldico fra la Santa Sede e la Repubblica di Venezia


    Noi, Ranieri III Giovanni Aleramico del Vasto Foscari Widmann d'Ibelin, Principe di Galilea, Marchese di Isola San Marco, Conte di Sant Julià de Lòria, Barone d'Ordino, davanti l'Altissimo e sotto lo sguardo di Aristotele, nella nostra capacità di Ufficiale Araldo e Prefetto dei Collegi Araldici Pontifici, in accordo con il Grande Ufficiale Araldo, e come rappresentante del Santo Padre, Innocenzo VIII, Sommo Pontefice della Chiesa Universale,

    &

    Noi, Virginia Asburgo d'Argovia, Contessa di Lazise e Viscontessa di Capo d'Istria, Regina d'Armi della Serenissima Repubblica di Venezia a capo dell'Istituzione Araldica



    Abbiamo decretato e ordinato, e per il nostro presente editto perpetuo e definitivo stabiliamo e prescriviamo le seguenti norme sul mutuo riconoscimento araldico fra la Santa Sede e la Repubblica di Venezia.

    Nessuno potrà obiettare a questo editto e a ciò che contiene, esso deve essere rispettato da chiunque indistintamente e ottiene piene efficacia una volta pubblicato.

    Dichiariamo nullo e privo di valore tutto ciò che verrà pubblicato e deciso da chiunque, qualunque sia la sua autorità, consciamente o inconsciamente, che vada in contrasto col presente editto.


      Art.1 - Del Riconoscimento
      La Serenissima Repubblica di Venezia riconosce i Collegi Araldici Pontifici quali Istituzione Araldica legittima al pari dell'Araldica di Venezia, i suoi costumi, leggi e regolamenti araldici.
      La Santa Sede Apostolica riconosce l'Araldica di Venezia quale Istituzione Araldica Araldica legittima al pari dei Collegi Araldici Pontifici, i suoi costumi, leggi e regolamenti araldici.

      Art.2 - Della Nobiltà
      La Serenissima Repubblica di Venezia riconosce la Nobiltà Pontificia, compresa negli Ordini Equestre, Senatorio e Cavalleresco, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui gode all'interno degli Stati della Chiesa.
      La Santa Sede Apostolica riconosce la Nobiltà Veneziana con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui gode all'interno della Serenissima Repubblica di Venezia.

      Art.3 - Dei Blasoni
      Il nobile in possesso di titoli in entrambi gli stati, dovrà richiedere il blasone personale e i sigilli all'istituzione araldica competente per il titolo più elevato e richiederne poi la registrazione all'araldica competente per il titolo inferiore.
      Se in possesso di titoli di medesimo rango in entrambi gli stati, il nobile dovrà scegliere il proprio collegio d'elezione per la produzione grafica, fermo restando l'obbligo di registrazione presso l'altra istituzione araldica competente.
      I chierici faranno sempre richiesta di blasone personale e sigilli presso i Collegi Araldici Pontifici, anche se in possesso di un titolo nobiliare Veneziano, ma dovranno farlo registrare dall'Araldica di Venezia.

      Art.4 - Dei Casati
      La Serenissima Repubblica di Venezia riconosce le Casate Romane secondo il rango loro riconosciuto dalla Santa Sede, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui esse godono all'interno degli Stati della Chiesa.
      La Santa Sede Apostolica riconosce le Casate Veneziane secondo il rango loro riconosciuto dalla Serenissima Repubblica di Venezia, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui esse godono all'interno della Serenissima Repubblica di Venezia, con l'eccezione di aggregati eretici, scomunicati o apostati.
      Verranno considerati validi ai fini di riqualificazione o riconoscimento i titoli concessi da entrambe le istituzioni araldiche.

      Art.5 - Collaborazione sulle Nobilitazioni
      La Serenissima Repubblica di Venezia, per mezzo dell'Araldica di Venezia, si impegna a non concedere titoli, a non riconoscere la nomina di vassallo o di cavaliere feudale, a chiunque si trovi sotto anatema, scomunica, interdizione o venga riconosciuto come eretico dalla Santa Chiesa Aristotelica Romana. 
      L'Araldica di Venezia confischerà per direttissima i feudi od annullerà lo status di vassalo o di cavaliere feudale della persona posta sotto anatema, scomunica, interdizione o riconosciuta come eretico dalla Santa Chiesa Aristotelica Romana.
      Nel caso in cui la scomunica venga resa nulla a seguito di ricorso, secondo quanto previsto dal Diritto Canonico, verrà resa nulla anche la confisca o l'annullamento.
      La Santa Sede Apostolica, per mezzo dei Collegi Araldici Pontifici, si impegna a non concedere titoli nobiliari a coloro che siano stati condannati per Alto Tradimento verso la Serenissima Repubblica di Venezia, salvo che il motivo sia religioso. 


    Ad Maiorem Dei Gloriam


    Fatto a Roma, il IV giorno del IX mese dell'Anno di Grazia MCDLXV.



    Con il pieno accordo e l'autorità araldica delegata,
    Per la Santa Sede Apostolica e i Collegi Araldici Pontifici



    Ranieri III Giovanni Aleramico del Vasto Foscari Widmann d'Ibelin,
    Ufficiale Araldo e Prefetto dei Collegi Araldici Pontifici.



    Come testimone e con l'approvazione,


    Arnarion de Valyria-Borgia,
    Arcicancelliere della Santa Sede Apostolica




    Per la Serenissima Repubblica di Venezia


    Virginia Asburgo d'Argovia,
    Regina d'Armi , Contessa di Lazise, Viscontessa di Capo d'Istria




    Sua Altezza Serenissima Odessa Soleado Asburgo d'Argovia
    Doge della Serenissima Repubblica di Venezia e dello Stato da Mar







Citation:

SUPPRIMÉ

Citation:


    L'Araldica di Venezia e l’Araldica Pontificia mettono per iscritto il presente riconoscimento.


    Art.1 - Del Riconoscimento
    L'Araldica di Venezia riconosce l’araldica Pontificia quale Istituzione Araldica al suo pari.
    L’araldica Pontificia riconosce l'Araldica di Venezia quale Istituzione Araldica al suo pari.

    Art.2 - Della Nobiltà
    A partire dalla pubblicazione del presente documento, i nobili Serenissimi e Pontifici vedranno riconosciuto il loro status nelle loro Terre.

    Art.3 - Dei Blasoni
    I nobili in possesso di feudi in più di uno Stato dovranno fare richiesta di blasoni e sigilli alle Araldiche di competenza per ogni territorio da loro amministrato.
    Se si è in possesso di titoli di entrambi gli stati, il blasone personale e i sigilli, dovranno essere richiesti all'istiutuzione araldica dove si ha il titolo più elevato e poi richiesta approvazione all'aralidica dove si detiene il titolo inferiore. L'aradica pontificia dovrà inserire il blasone o blasoni feudali nel blasone personale del nobile veneziano come da Statuto di Araldica di Venezia. Se si è in possesso di titoli di medesimo rango (es. una contea per ogni stato) il nobile potrà scegliere dove farsi confezionare il blasone. I chierici titolati faranno richiesta di blasone presso l'araldica pontificia anche se in possesso di un titolo nobiliare veneziano, ma dovranno fare inserire il blasone o blasoni feudali nel blasone personale come da Statuto di Araldica di Venezia e farlo approvare dall'araldica di Venezia.

    Art.4 - Dei Casati
    I casati che hanno familiari residenti in più Stati dovranno far pervenire alle araldiche una dichiarazione stilata dal Capo casato e suggellata con sigillo verde in cui renderà noto in quale Stato avranno la loro residenza ufficiale di rappresentanza del Casato.
    Dovranno altresì fare richiesta all'araldica di competenza del blasone e dei sigilli di famiglia.
    In caso di richiesta di riqualificazione verrà seguita la normativa araldica vigente nello Stato scelto per la residenza e presentare alla stessa la documentazione di riqualificazione e testamentaria. Saranno validi ai fini di riqualificazione solo titoli concessi dall'araldica ove il Casato ha la residenza ufficiale.
    Verranno comunque conteggiati nei punteggi di riqualificazione i valori assegnati agli incarichi delle gerarchie ecclesiastiche.


    Scritto, firmato e sigillato il giorno 8 di Maggio nell'anno 1462 a Ca d’Oro Serenissima Repubblica di Venezia

    Per la Repubblica di Venezia

    Sua Serenità
    Mikelius di Sanseverino


    Il Re d’Armi delle Venezie
    Virginia Asburgo d’Argovia
    Contessa di Lazise e Viscontessa di Capo d'Istria




    Per al Santa Chiesa Aristotelica

    Sua Eminenza Alessandro III de' Montemayor Borgia detto "Giarru",
    Camerlengo di Santa Romana Chiesa



    Sua Eminenza Aaron de Nagan,
    Arciecancelliere Pontificio,
    Grande Ufficiale Araldo.




_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Endymion
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 13 Juil 2011
Messages: 6566
Localisation: Ste Illinda ou Rome

MessagePosté le: Jeu Fév 12, 2015 11:56 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:


    Trattato di Ischia
    Per la ridefinizione dei confini comuni agli Stati Pontifici e al Regno delle Due Sicilie



    In nome dell'Altissimo Onnipotente e dei Suoi Santi Profeti Aristotele e Christos: sia noto a tutti quanti vi abbiano interesse o siano coinvolti che nei mesi passati la concordia e il rispetto tra il Trono di Titus e la Corona delle Due Sicilie sono stati incrinati da ingiusti rancori sorti a causa dell'incertezza nella definizione dei rispettivi possedimenti e dalla conseguente sovrapposizione dei territori sui quali si estende la sovranità del Santissimo Padre, il Sommo Pontefice, e di Sua Maestà, il Re delle Due Sicilie; in ragione di ciò

    Sua Santità Sisto IV, Vescovo di Roma, Vicario di Dio in terra, Successore del Secondo Profeta e di San Titus Principe degli Apostoli, Sommo Pontefice e Papa della Chiesa Universale, Metropolita della Provincia di Roma, Servo dei servi di Dio, Sovrano degli Stati Pontifici,

    &

    Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, Protettore di Napoli, Duca di Calabria e delle Puglie, Conte di Giugliano, Barone d’Ischia,


    nel comune spirito dell'Amicizia Aristotelica, spinti dal desiderio di riparare alle discordie passate e nell'intento di rifondare le basi del mutuo rispetto e della profonda amicizia che hanno sempre accomunato la Santa Sede e la Corona delle Due Sicilie, concordano, stabiliscono, annunciano e mettono per iscritto quanto segue:


    I. Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, riconosce la sovranità piena e completa di Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, sulle terre di Castro dei Volsci, Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano.

    II. Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, rinuncia, in favore di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, alla sovranità sulle terre di Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo e Vallecorsa.

    III. Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, rinuncia, in favore di Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, alla sovranità sulle terre di Castro dei Volsci, Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano.

    IV. Sua Santità il Sommo Pontefice, Sovrano degli Stati Pontifici, riconosce la sovranità piena e completa di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, sulle terre di Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo (Amaseno) e Vallecorsa.

    V. La Santa Sede, per tramite dei Collegi Araldici Pontifici, si impegna a modificare i propri registri e mappe in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    VI. Il Regno delle Due Sicilie, nella persona di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, e per mezzo della Real Araldica Duosiciliana, visiona e riconosce come pienamente validi i registri e le mappe dei Collegi Araldici Pontifici così come modificati in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    VII. Il Regno delle Due Sicilie, nella persona di Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi, Re delle Due Sicilie, e per mezzo della Real Araldica Duosiciliana, si impegna a modificare i propri registri e mappe in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    VIII. La Santa Sede, per tramite dei Collegi Araldici Pontifici, visiona e riconosce come pienamente validi i registri e le mappe della Real Araldica Duosiciliana così come modificati in conseguenza delle predette modifiche territoriali.

    IX. Il nuovo confine tra gli Stati Pontifici e il Regno delle Due Sicilie viene posto lungo le terre di San Felice Circeo, Sabaudia, Pontinia, Priverno, Prossedi, Villa Santo Stefano, Castro dei Volsci, Pofi, Ripi, Boville Ernica, Monte San Giovanni Campano, Veroli, Alatri, Vico nel Lazio, Guarcino, Filettino, Vallepietra, Camerata Nuova, Cervara di Roma, Arsoli, Riofreddo, Vallinfreda, Vivaro Romano, Orvinio, Pozzaglia Sabina, Turania, Collalto Sabino, Nespolo, Marcetelli, Varco Sabino, Concerviano, Rieti, Rivodutri, Polino, Narni, Otricoli, Stroncone, Lungano in Taverna, Alviano, Arquata del Tronto, Acquasanta Terme, Ascoli Piceno, Folignano, Maltigliano, Colli del Tronto, Spinetoli, Monsamolo del Tronto, Monteprandone, San Benedetto del Tronto sul versante Pontificio e lungo le terre di Terracina, Monti Ausoni (Roccasecca dei Volsci, Sonnino, San Lorenzo), Vallecorsa, Lenola, Pastena, Ceprano, Strangolagalli, Arce, Fontana Liri, Arpino, Castelliri, Sora, Tortoreto, Corropoli, Nereto, Torano, Val Vibrata, Civitella, Valle Castellana, Accumoli, Rocca Salli, Leonessa, Poggio Bustone, Cantalice, Micigliano, Cittaducale, Petrella Salto, Cicolano, Carsoli, Pereto, Cappadocia, Capistrello, Valle Roveto, Balsorano sul versante duosiciliano.

    X. Viene confermata la piena vigenza e validità del Trattato di Mutuo Riconoscimento Araldico fra la Santa Sede e il Regno delle Due Sicilie, firmato a Roma il 16 Ottobre MCDLXV, in ciascuna delle sue disposizioni. Nessuno potrà obiettare a quanto disposto dal presente trattato né a ciò che esso contiene; esso deve essere rispettato indistintamente da chiunque e ottiene piena e definitiva efficacia una volta ratificato. Tutto quanto venga pubblicato o deciso da chiunque, quale che sia la sua autorità, consciamente o inconsciamente, che vada in contrasto col presente trattato è dichiarato nullo e privo di qualsivoglia valore.




    Per la Santa Sede e gli Stati Pontifici


    Datum Romae, apud Sanctum Titum, sub anulo Piscatoris, die octavo mensis Maii, anno MCDLXVII, Pontificatus Nostri primo.






    Come testimone al cospetto del Santissimo Padre,


    Sua Eminenza Arnarion de Valyria-Borgia,
    Cardinale Arcicancelliere della Santa Sede




    Ratificato ad Ischia, il decimo giorno del quinto mese dell'anno di grazia MCDLXVII

    I delegati del Sommo Pontefice, abilitati alla ratifica del trattato


    Sua Eminenza Arduino della Scala
    Decano del Sacro Collegio dei Cardinali



    Sua Eminenza Fenice Maria Helena Deversi-Aslan Borgia
    Cardinale Cancelliere della Congregazione degli Affari del Secolo



    Sua Eminenza Estrella Luna de Lancaster y Valyria
    Ufficiale Araldo dei Collegi Araldici Pontifici




    Per il Regno delle Due Sicilie




    Sua Maestà Alessio Godeoc Aldobrandeschi
    Re delle Due Sicilie




    Sua Altezza Reale Nerissa Gregoria Zara del Drago
    Ministro degli Esteri delle Due Sicilie



    Sua Grazia Filippo del Drago
    Re d'Armi della Real Araldica Duosiciliana





Citation:



    Trattato di Mutuo Riconoscimento Araldico fra la Santa Sede e il Regno delleDue Sicilie


    Noi, Ranieri III Giovanni Aleramico del Vasto Foscari Widmann d'Ibelin, Principe di Galilea, Marchese di Isola San Marco, Conte di Aprilia e di Sant Julià de Lòria, Barone di Ordino, davanti l'Altissimo e sotto lo sguardo di Aristotele, nella nostra capacità di Ufficiale Araldo e Prefetto dei Collegi Araldici Pontifici, in accordo con il Grande Ufficiale Araldo, e come rappresentante del Santo Padre, Innocenzo VIII, Sommo Pontefice della Chiesa Universale,

    &

    Noi, Cyrille Antoine Gardin d'Arborea, Maestà Aristotelica del Regno delle Due Sicilie, Duca di Malta e Foggia, Conte di Pescosansonesco ed Alife, Barone di Castelforte, Barone Palatino di San Giovanni in Laterano nella nostra capacità di Re delle Due Sicilie e di Re d'Armi della Real Araldica Duosiciliana



    Abbiamo decretato e ordinato, e per il nostro presente editto perpetuo e definitivo stabiliamo e prescriviamo norme sul mutuo riconoscimento araldico fra la Santa Sede e il Regno delle Due Sicilie.

    Nessuno potrà obiettare a questo editto e a ciò che contiene, esso deve essere rispettato da chiunque indistintamente e ottiene piene efficacia una volta pubblicato.

    Dichiariamo nullo e privo di valore tutto ciò che verrà pubblicato e deciso da chiunque, qualunque sia la sua autorità, consciamente o inconsciamente, che vada in contrasto col presente editto.


      Art.1 - Del Riconoscimento
      Il Regno delle Due Sicilie riconosce i Collegi Araldici Pontifici quali Istituzione Araldica legittima al pari della Real Araldica Duosiciliana, i suoi costumi, leggi e regolamenti araldici.
      La Santa Sede riconosce la Real Araldica Duosiciliana quale Istituzione Araldica legittima al pari dei Collegi Araldici Pontifici, i suoi costumi, leggi e regolamenti araldici.

      Art.2 - Della Nobiltà
      Il Regno delle Due Sicilie riconosce la Nobiltà Pontificia, compresa negli Ordini Equestre, Senatorio e Cavalleresco, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui gode all'interno degli Stati della Chiesa.
      La Santa Sede riconosce la Nobiltà Duosiciliana con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui gode all'interno del Regno delle Due Sicilie.

      Art.3 - Dei Blasoni
      Il nobile in possesso di titoli in entrambi gli stati, dovrà richiedere il blasone personale e i sigilli all'istituzione araldica competente per il titolo più elevato e richiederne poi la approvazione e registrazione all'araldica competente per il titolo inferiore.
      Se in possesso di titoli di medesimo rango in entrambi gli stati, il nobile dovrà scegliere il proprio collegio d'elezione per la produzione grafica, fermo restando l'obbligo di approvazione e registrazione presso l'altra istituzione araldica competente.
      I chierici faranno sempre richiesta di blasone personale e sigilli presso i Collegi Araldici Pontifici, anche se in possesso di un titolo nobiliare Duosiciliano, ma dovranno farlo approvare e registrare dalla Real Araldica Duosiciliana.

      Art.4 - Dei Casati
      Il Regno delle Due Sicilie riconosce le Casate Romane secondo il rango loro riconosciuto dalla Santa Sede, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui esse godono all'interno degli Stati della Chiesa.
      La Santa Sede riconosce le Casate Duosiciliane secondo il rango loro riconosciuto dal Regno delle Due Sicilie, con gli stessi diritti, privilegi ed esenzioni di cui esse godono all'interno del Regno delle Due Sicilie, con l'eccezione di aggregati eretici, scomunicati o apostati.
      Verranno considerati validi ai fini di riqualificazione o riconoscimento i titoli concessi da entrambe le istituzioni araldiche.

      Art.5 - Collaborazione sulle Nobilitazioni
      Il Regno delle Due Sicilie, per mezzo della Real Araldica Duosiciliana, si impegna a non concedere titoli, a non riconoscere la nomina di alfiere o di legatus legionis, a chiunque si trovi sotto anatema, scomunica, interdizione o venga riconosciuto come eretico dalla Santa Chiesa Aristotelica Romana.
      La Real Araldica Duosiciliana confischerà per direttissima i feudi od annullerà lo status di alfiere o di legatus legionis della persona posta sotto anatema, scomunica, interdizione o riconosciuta come eretico dalla Santa Chiesa Aristotelica Romana.
      La Santa Sede, per mezzo dei Collegi Araldici Pontifici, si impegna a non concedere titoli nobiliari a coloro che siano stati condannati per Alto Tradimento verso il Regno delle Due Sicilie, salvo che il motivo sia religioso.
      Al fine di rendere efficaci queste misure, la Real Araldica Duosiciliana inoltrerà ai Collegi Araldici Pontifici, ogni qualvolta ci siano delle variazioni, i nominativi iscritti nel Registro delle Infrazioni e nel Registro delle Violazioni.


    Ad Maiorem Dei Gloriam


    Fatto a Roma, a Palazzo San Benedetto, il XVI giorno del X mese dell'Anno di Grazia MCDLXV.



    Con il pieno accordo e l'autorità araldica delegata,
    Per la Santa Sede e i Collegi Araldici Pontifici



    Ranieri III Giovanni Aleramico del Vasto Foscari Widmann d'Ibelin,
    Ufficiale Araldo e Prefetto dei Collegi Araldici Pontifici.



    Come testimone e con l'approvazione,


    Arnarion de Valyria-Borgia,
    Arcicancelliere della Santa Sede.



    Per il Regno delle Due Sicilie


    Cyrille Antoine Gardin d'Arborea,
    Re delle Due Sicilie
    Re d'Armi della Real Araldica Duosiciliana



    Adélaïde Béatrice Vivianne d'Arborea,
    Ministro degli Esteri del Regno delle Due Sicilie.








Citation:

SUPPRIMÉ

Citation:



    Treaty of heraldic recognition between the Holy See and the kingdom of the Two Sicilies


    Art.1 About the Recognition
    The Real Heraldry of the Two Sicilies recognizes the Pontifical Colleges of Heraldry as Heraldic Institution to her peer.
    The Pontifical Colleges of Heraldry recognize the Real Heraldry of the Two Sicilies what Heraldic Institution to her peer.

    Art.2 Of the Nobility
    Beginning from the publication of the present document, the nobles of the Two Sicilies and of the Pontifical States will see respectively recognized their heraldic laws and customs, their nobility.

    Art.3 Coats of Arms
    The noble in possession of feuds in more than a State, must request coats of arms and seals to the colleges of heraldry of competence for every territory administered by them.
    If the noble has titles of both the States, the personal coats of arms and the seals, must be demanded to the heraldic institution where the noble has the most elevated title and then ask the approval to the heraldic institution where he has the inferior title.
    If the noble owns titles of same rank in the both states, he can choose where the coat of arms can be manufactured.
    The titled clerics will have to ask for their coat of arms to the pontifical heraldry even if in possession of a Two Sicilies' noble title, but they have to get them approve by the Heradry of the Two Sicilies.

    Art.4 Dynasties
    The dynasties, that have family members residents in more States, must make to reach to the colleges of heraldry a declaration drafted up by the Head of the Family, and sealed, in which they will make known in what State they will have their official residence of the Dynasty.
    They will also have to ask to the colleges of heraldry of competence the coat of arms and the seals of the Family.
    In case of request of requalification, will be followed the heraldry legislation in force in the select State of residence, and will be submit to the heraldry chosen the documents for the requalification and the testamentary documents.
    Will be valid for the purposes of requalification the titles granted by the two collesges of heraldry.

    Art.5 Collaboration on the Ennoblements
    The Real Heraldry of the Two Sicilies, hocks him not to grant titles, bonds of vassalage or legatus legionis, to whoever has been stricken from anathema or excommunication.
    The Real Heraldry of the Two Sicilies will forfeit for direct the feuds of a Noble tried and recognized heretical from the Aristotelian and Roman Holy Church, and it will annul the status of vassal or legatus legionis.

    The PontificalColleges of Heraldry, hock them not to grant titles, to those people that are stain of Tall Betrayal toward the Kingdom of the Two Sicilies unless the reason is religious.

    To the purpose of these measures to make effective, the Real Heraldry of the Two Sicilies will forward to the Pontifical Colleges of Heraldry, whenever there is a variation, the enrolled nominatives in the Register of the Infringements and in the Register of the Violations; Pontifical Colleges of Heraldry will forward the list of the guilty duosicilianis of eterodossia.

    Ad Majorem Dei Gloriam

    Given at Rome, the XIIth day of february, the year of grace MCDLXIII of Our Lord


    For Kingdom of Two Sicilies



    Il Re d'Armi




    With the full consent and delegated authority of the Sovereign Pontiff Innocent VIII,
    For the Holy Apostolic See,


    Aaron de Nagan,
    Arch-chancellor of the Holy Apostolic See.


    As witness,



    Endymion d'Abbadie,
    Prefect of the Papal Colleges of Heraldry.




_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
hull
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 11 Mai 2009
Messages: 9182
Localisation: Dans les Cantons

MessagePosté le: Ven Juil 14, 2017 10:34 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:


    [center][/center]


    De la noblesse Pontificale et de la noblesse Provençale


    Nous, Son Éminence Hull de Northshire, Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinalis Camerarius, Cardinal Romain Électeur de Sainte-Raphaëlle-Archange, Chancelier de la Congregatio Sacti Officii et de Causis Sanctorum, Cardinal-Gouverneur et Duc de Ferrare, Primat de l'Église du Saint Empire Romain Germanique, Recteur de la Sacré Ordre de l'Étoile de Christos, Prince-Archevêque de Trèves, Prince-Abbé de Stavelot-Malmedy, Commissionnaire de la Pénitencerie Apostolique, Aumônier Général des Saintes Armées, Grand Officier Héraut et Préfet des Collèges Héraldiques Pontificaux, Grand Professeur Exorciste, Vice-Préfet francophone de la Villa San Loyats, Inquisiteur, Prince-Régent de San Marino, Marquis de Memel, Comte de Lundy, Seigneur de La Combe Bleue, Chevalier de l'Ordre Teutonique, Grand-Officier de l'Étoile d'Aristote, Chevalier de l'Ordre de Volpone,

    &

    Nous, Mielle de Lauvain, Vicomtesse du Bar-sur-Loup, Dona de Bédoin, en notre qualité de Maitre d'Armes de l'Assemblée des Hérauts de Provence,



      Avons statué et ordonné, et par notre présent édit, perpétuel et définitif, statuons et ordonnons la reconnaissance mutuelle des noblesses Provençales et Pontificales, en dehors et au-dedans des territoires des États de l’Église et du Marquisat de Provence, avec les mêmes droits, devoirs, privilèges et exemptions que dans nos États respectifs. Ces noblesses sont la noblesse Équestre, Sénatoriale et Chevaleresque, ainsi que les noblesses Comtales et Marquisales de Provence.

      Par conséquent, nous établissons et prescrivons ses normes, sans que personne ne puisse s’opposer au présent édit et à ce qu’il contient. Qu’il soit observé par tous, nonobstant toutes choses contraires. Qu’il soit publié et obtienne aussitôt ses effets pleins et entiers.

      Déclarons nul et non-avenu ce qui, par quiconque, quelle que soit son autorité, consciemment ou inconsciemment, sera décidé ou publié en opposition à cet édit.


    Ad Majorem Dei Gloriam

    Donné à Avignon, le quatorzième jour du septième mois de l’An de Grâce MCDLXV.


    Avec l’accord plein et entier, et l’autorité Héraldique déléguée,
    Pour les Collèges Héraldiques Pontificaux,




      Hull de Northshire,
      Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinalis Camerarius,
      Grand-Officier Héraut des Collèges Héraldiques Pontificaux.


    Pour le Saint-Siège Apostolique, en tant que témoin,


      Arnarion de Valeria-Borgia,
      Archichancelier du Saint-Siège Apostolique.



    Pour le Marquisat de Provence,



      Maitre d’Arme
      Vicomtesse Le Bar-sur-Loup, Dona de Bédoin


    Pour le Marquisat de Provence,


      Hersende de Brotel
      Marquise de Provence


    Pour le Marquisat de Provence,



      Clément de Paré,
      Comte Illustre de Provence.



_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
hull
Cardinal
Cardinal


Inscrit le: 11 Mai 2009
Messages: 9182
Localisation: Dans les Cantons

MessagePosté le: Mer Aoû 16, 2017 9:11 pm    Sujet du message: Répondre en citant

Citation:





    Of Pontifical Nobility and Portuguese Nobility


    We, His Eminence Hull de Northshire, Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinalis Camerarius, Roman Elector Cardinal of St. Raphaelle Archangel, Chancellor of the Congregatio Sacti Officii et de Causis Sanctorum, Cardinal-Governor and Duke of Ferrara, Primate of the Church of the Holy Roman Empire, Rector of the Holy Order of Christos' Star, Prince-Archbishop of Trier, Prince-Abbot of Stavelot-Malmedy, Commissioner of the Apostolic Penitentiary, General Chaplain of the Holy Armies, Great Officer Herald and Prefect of the Pontifical Colleges of Heraldry, Great Teacher-Exorcist, French Vice-Prefect of the Villa San Loyats, Inquisitor, Prince-Regent of San Marino, Marquess of Memel, Earl of Lundy, Lord of La Combe Bleue, Knight of the Teutonic Order, Great-Officer of the Stars of Aristotle, Knight of the Order of Volpone,

    &

    We, Beatrix Algrave Nunes Henriques, Queen of Arms of Portugal, Baroness of Paço da Figueira, Rector of Seminário Menor de Viana do Castelo, Chief Translator of Frigidarium, Diocesan Sergeant of Braga, 1st Archdeacon of Braga, Royal Senescal and Royal Secretary.



      Have ruled and ordered, and by our present perpetual and final edict, statute and order the mutual recognition of the Portuguese and Pontifical nobles, outside and within the territories of the States of the Church and of the Kingdom of Portugal, with the same Rights, duties, privileges and exemptions in our respective States. These nobles are the Equestrian, Senatorial and Knightly nobility, as well as the Provincial and Crown nobles of Portugal.

      Therefore, we establish and prescribe these standards, which no one is able to oppose, by the present edict and what it contains. Let it be observed by all, notwithstanding all contrary things. Let it be published, to gain its full and entire effects.

      Declare null and void what will be decided or published by any person, whatever his authority, consciously or unconsciously, in opposition to this edict.


    Ad Majorem Dei Gloriam

    Given in Rome, on the 16th day of the 8th month of the Year of Our Lord MCDLXV.


    With full and complete agreement, and delegated heraldic authority,
    For the Pontifical Heraldic Colleges,




      Hull de Northshire,
      Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinalis Camerarius,
      Great Officier Herald of the Pontifical Heraldic Colleges.


    For the Apostolic Holy See, as a witness,


      Arnarion de Valeria-Borgia,
      Archchancellor of the Apostolic Holy See.



    For the Kingdom of Portugal,



      Queen of Arms of Portugal,


    For the Kingdom of Portugal

      Sua Majestade Real, Dom Martin de Varos Dias De MortÁgua

      King of Portugal



_________________
Revenir en haut de page
Voir le profil de l'utilisateur Envoyer un message privé
Montrer les messages depuis:   
Poster un nouveau sujet   Ce sujet est verrouillé; vous ne pouvez pas éditer les messages ou faire de réponses.    L'Eglise Aristotelicienne Romaine The Roman and Aristotelic Church Index du Forum -> Les Collèges Héraldiques pontificaux – The Pontifical College of Heraldry Toutes les heures sont au format GMT + 2 Heures
Page 1 sur 1

 
Sauter vers:  
Vous ne pouvez pas poster de nouveaux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Vous ne pouvez pas éditer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas supprimer vos messages dans ce forum
Vous ne pouvez pas voter dans les sondages de ce forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduction par : phpBB-fr.com